Android

L’Opel Astra da 280 CV si tiene sotto controllo con l’iPhone

La nuova Opel Astra OPC è la prima auto che consente tramite un’App per iPhone di accedere ai dati sulla dinamica del veicolo interfacciandosi con il CAN-bus (Controller Area Network). In pratica, quasi come se si fosse al muretto di una F1, l’utente può scorrere ogni parametro raccolto dai sensori integrati su questa sportiva da 280 CV (motore benzina turbo 2.0 litri a iniezione diretta).

Opel Astra OPC

OPC PowerApp emula di fatto i dispositivi che utilizzano le officine altamente specializzate. “Su iPhone sono disponibili, in tempo reale, fino a sessanta dati diversi, tra cui pressione di sovralimentazione del motore, posizione dell’acceleratore, accelerazione laterale o coppia motore, che possono essere memorizzati e successivamente confrontati con quelli dei propri amici”, sottolinea l’azienda. 

“La registrazione dei tempi sul giro collegata ai dati GPS è dedicata agli amanti delle corse, per esempio chi usa il leggendario circuito del Nürburgring e desidera analizzare e migliorare le proprie prestazioni sulla Nordschleife”.Ovviamente tutto questo consente poi di verificare i punti di frenata, accelerazione laterale in curva e le velocità nelle varie sessioni. 

Sono disponibili per gli utenti sette modalità diverse di visualizzazione, con logo OPC e colori, con strumento analogico, misuratore dell’accelerazione laterale, display digitale e un indicatore di sovra/sottosterzo, un grafico a barre, un grafico a linee e una mappa. La OPC PowerApp funziona su iPhone (a partire dalla terza generazione), iPad 2 e iPod Touch, e sarà disponibile per sistemi Android all’inizio del 2013.

OPC PowerApp – Clicca per ingrandire

OPC PowerApp può essere ulteriormente potenziato nelle sue funzionalità montando una scatola nera sul veicolo. “Può essere montata in fabbrica o aggiunta facilmente in un secondo momento richiedendola a una concessionaria Opel. Il modulo è collegato direttamente al CAN-bus del veicolo e trasmette i dati all’iPhone con una frequenza di 30 Hertz, che è equivalente al tempo reale”, conclude Opel. “Si può installare anche un supporto per iPhone a richiesta, che garantisce accesso e visibilità ancora migliori dei dati della PowerApp. In quel senso, il cellulare funge da strumento aggiuntivo all’interno dell’abitacolo, registrando tutti i dati”.