Android

Motorola Edge 20 recensione, cambio di rotta!

Prendete Motorola Edge. Mettete da parte schermi ultra curvi ed estremi, oltre alle linee di design uniche. Ingrandite tutte le dimensioni. Quello che vi si presenterà davanti sarà il nuovo Motorola Edge 20, protagonista della recensione odierna.

Frutto di scelte estetiche in netta contrapposizione con il suo predecessore, la decisione di puntare sulla sostanza saprà convincere gli utenti ad affacciarsi a questa nuova generazione di prodotti Motorola?

Motorola Edge 20

Cambio di rotta

Dai due esponenti della prima generazione, Motorola ha pensato bene di triplicare l’offerta per la nuova iterazione di prodotti Edge. Il Motorola Edge 20 che vi sto per raccontare rappresenta il prodotto “mediano”, affiancato da una variante Lite e da un modello Pro. Dico fin da subito che questo potrebbe rappresentare l’investimento più sensato tra i dispositivi della neo nata famiglia.

Motorola Edge 20

Perché se è vero che a livello di design si è perso molto a mio avviso a livello di unicità rispetto ai primi due modelli Edge, con ora delle linee molto generiche e che paiono troppo sottotono rispetto anche solo al nome stesso del prodotto, i guadagni in termini di sostanza sono evidenti in quasi ogni area di competenza. Potremmo quasi definirlo il tentativo di Motorola di abbandonare l’esotico in favore della sostanza, un’operazione che in questo Motorola Edge 20 è certamente riuscita risultando positiva e di successo.

Motorola Edge 20

Di certo non piacerà a coloro di voi che apprezzano l’uso a una mano, con la larghezza elemento veramente impattante nelle prime ore di utilizzo (non che l’altezza sia da meno d’altro canto). Quello che aiuta veramente moltissimo a livello di touch and feel è pero il peso, veramente ben bilanciato ed elemento per nulla problematico durante l’uso, con i soli 163 grammi che sembrano un risultato folle se rapportato alle dimensioni generali del prodotto.

I bordi del prodotto in lega di alluminio (che sembra tanto un materiale plastico al tatto) stonano forse con l’aspetto comunque sobrio ed elegante del prodotto, soprattutto nella colorazione scura da me ricevuta in test, pur aiutando forse a contenere il peso. Altro elemento da “digerire” è il modulo delle fotocamere, che complice il super lavoro da Motorola in merito alla sottigliezza generale dello smartphone, viene qui veramente messo in evidenza con un bump che non vi permetterà di usare lo smartphone se appoggiato alla scrivania per via del fastidiosissimo traballamento.

Motorola Edge 20

Strana la scelta legata al posizionamento dei tasti funzione, con il bilanciere del volume inserito quasi nel bordo superiore di questo Motorola Edge 20, rendendo l’interazione non sempre facilissima. Promosso invece il tasto accensione spegnimento con inserito al suo interno anche l’ottimo lettore per il riconoscimento delle impronte digitali. Chiude il quadro hardware un tasto programmabile via software che giudico sempre molto positivamente quando inserito dai produttori nei propri smartphone.

Tanta sostanza

La minor attenzione da parte del brand nel voler a tutti i costi presentare un design estremo come nella prima generazione, ha permesso di spostare il focus su altri elementi, considerati dagli utenti forse più interessanti e importanti all’atto pratico dell’utilizzo quotidiano. Il primo aspetto a giovare di maggior cura è certamente il display, ora completamente piatto, che non solo mette in soffitta la brutta esperienza legata ai difetti riscontrati dai pannelli verdi del primo Edge, ma implementa chicche da device di fascia premium.

Motorola Edge 20

Ovviamente si tratta di un pannello in tecnologia OLED, con diagonale da 6,7″ e risoluzione FullHD+. Motorola Edge 20 si distingue dalla concorrenza diretta nella sua fascia di appartenenza per la possibilità di estendere il refresh rate dinamico fino a 144Hz, prerogativa sin qui dei soli modelli da gaming ultra premium. Un aspetto che magari potrà sembrare più da fanatici della scheda tecnica che un reale boost rispetto ai “tradizionali” 90Hz/120Hz, ma che sicuramente segna un’importante dimostrazione di forza da parte di Motorola.

Batteria da urlo

Nonostante questo grande boost a livello di display, l’attenzione di Motorola al tema batteria e autonomia non è venuto meno. Seppur con una batteria da 4.000mAh infatti, questo Edge 20 si conferma come da tradizione del brand uno smartphone molto affidabile lato consumi, con una tendenza al surriscaldamento durante l’uso pressoché nulla.

Motorola Edge 20

Tante ore di display acceso spalmate sulle varie giornate, con consumo in stand-by sempre sotto controllo. Il tutto con il supporto della ricarica fast a 30W, che seppur non la più veloce presente sul mercato, è sempre più rapida di alcuni device della concorrenza dal listino doppio di questo Edge 20.

Nel nostro test standardizzato PCMark Work 3.0 lo smartphone è sopravvissuto per 9:27 ore, un valore che non lo porta in cima alla nostra classifica ma che non rispecchia gli ottimi risultati ottenuti invece nella vita reale.

108MP protagonisti

Il motivo di tanta importanza estetica alla sporgenza delle fotocamere, è dovuto principalmente all’adozione anche su questo Motorola Edge 20 di un sensore da 108MP. Si tratta di una fotocamera dotata di apertura f/1.9 in grado di garantire prestazioni solide anche se purtroppo lontane ancora dai dispositivi premium del mercato, con i quali questo smartphone rischia di andare a entrare in competizione al prezzo di lancio pensato dall’azienda.

Motorola Edge 20

Le foto così come i video scattati da questa fotocamera sono senz’altro di buon livello e molto piacevoli, grazie anche e soprattutto alla stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS) a garantire prestazioni solide in tutti i contesti d’uso. L’assenza però di altri sensori “premium” (qui troviamo infatti come fotocamere ausiliare una grandangolare da 16MP e un teleobiettivo da 8MP), non contribuisce a elevare questo smartphone a un livello superiore ai suoi competitors presenti sul mercato. Lato selfie troviamo invece una fotocamera da 32MP, in grado di garantire scatti in linea con le aspettative.

Innegabile quindi che tutti gli sforzi di Motorola siano stati incentrati sulla fotocamera principale, in grado di permettere fra le altre cose uno zoom ibrido 30x, andando a mettere in secondo piano la restante parte hardware del comparto fotografico. Per tutto ciò in cui non viene incontro però l’hardware, Motorola mette una pezza con il suo software fotografico da sempre punto di riferimento del panorama Android per funzioni e piacevolezza d’uso.

Motorola Edge 20

Fra le varie opzioni messe a disposizione da questo applicativo si segnalano:

  • Modalità ripresa Ultra-Res
  • Modalità Filtri Live
  • Doppia ripresa
  • Colore Campione
  • Visione Notturna
  • Cinemagrafia
  • Ritratto
  • Scatto automatico con sorriso

Tante opzioni quindi per tirare fuori scatti che se non saranno magari i migliori per qualità assoluta, sapranno convincervi per divertimento e piacevolezza.

Il processore poteva essere migliore?

Forse l’aspetto più criticato di questo Motorola Edge 20 in sede di presentazione. Perché se è vero che alla lettura della scheda tecnica troviamo un interessantissimo dato legato alla memoria rappresentato da 8GB di RAM e 256GB di memoria utente, la scelta del processore ha destato più di una perplessità, messa in paragone diretta con il prezzo di listino del prodotto.

Motorola Edge 20

Il SoC Qualcomm Snapdragon 778G si è però rivelato nelle mie giornate di test un compagno affidabile e prestante, che difficilmente ha mostrato il fianco anche se messo sotto stress intenso. Nel tentativo quindi di garantire un bilanciamento generale fra autonomia e potenza (ricordando lo spessore ridotto del device), andando a puntare tutto su di un software snello e super ottimizzato, non mi sento di poter criticare l’adozione di questo processore.

Smartphone Geekbench 5 Geekbench ML 3DMark PCMark Work 3.0 Speedometer 2.0 Jetstream 2
Single-core Multi-core CPU GPU NNAPI Wild Life Wild Life
Stress Test
Performance
Oppo Reno6 717 2066 210 544 939 2022
(12,20 fps)
2020 – 2010
(99,5%)
8062 35,5 (±1,9) 51249
realme GT Master Edition 784 2757 342 858 311 2494
(14,90 fps)
2500 – 2379
(95,2%)
12674 61,1 (±1,3) 67446
Motorola Edge 20 756 2702 382 955 795 2475
(14.80 fps)
2485 – 2451
(98.6%)
13294 62.56 (±0,30) 86363

Forse alcuni rivali inseriti nell’agguerrita fascia che parte dai 400 euro fino ad arrivare ai quasi 600 euro di questo Edge 20 hanno schede tecniche addirittura più estreme, andando a mettere potenzialmente in crisi il rapporto qualità prezzo di questo smartphone.

La verità è che i freddi numeri senza ottimizzazione contano poco o nulla nel mercato smartphone, soprattutto Android, con qualche punto in meno dei benchmark che qui viene certamente fatto dimenticare grazie all’ottimizzazione e al sapiente utilizzo delle risorse senza sprechi.

Uno dei software più piacevoli del panorama Android

Tanta di questa ottimizzazione è certamente dovuta all’interfaccia proprietaria di Motorola montata su questo Edge 20 e che prosegue l’ottimo rapporto della casa alata con il robottino verde.

Motorola Edge 20

Non si tratta della personalizzazione estetica e funzionale più spinta, con magari meno funzioni della concorrenza, ma con tanta attenzione ai dettagli e alle funzionalità utili nella vita di tutti i giorni (lo scuotere per attivare la camera è una feature che spero non verrà mai rimossa dalla personalizzazione Motorola).

Motorola Edge 20

Subito dietro all’esperienza d’uso dei Pixel per pulizia e snellezza d’uso, se ricercate un software in grado di agevolarvi nella vita di tutti i giorni pur offrendovi un minimo di personalizzazione software, non posso che consigliarvi uno smartphone Motorola.

Conclusioni

Un cambio di passo deciso rispetto alla prima generazione, con tanto meno “effetto wow” ma tanta piacevolezza d’uso maggiore. Forse il prezzo di listino troppo alto (ma la svalutazione degli smartphone Android meno conosciuti è vostra amica) in relazione a un’esperienza fotografica alla fine non troppo premium, rischia di minarne un po’ le possibilità di successo.

Se cercate però uno smartphone affidabile e piacevole in ogni contesto, seppur con i suoi difetti (audio mono e dimensioni generali su tutti), questo Motorola Edge 20 saprà accompagnarvi nelle giornate in maniera assolutamente convincente, rimanendo una delle poche opzioni “non cinesi” sul mercato fascia media!

Motorola Edge 20


Motorola Edge 20 si presenta sul mercato come una delle poche opzioni "a stampo occidentale" nella fascia media del mercato. Un cambio di rotta importante rispetto al predecessore con il quale non condivide nulla a livello di design portando però in dote tanta sostanza in ciò che conta, display in primis. Forse il prezzo di listino è un filo troppo elevato ma una volta colpito dalla giusta svalutazione (già peraltro in atto in questo momento su Amazon) questo smartphone saprà certamente conquistarsi le sue quote di mercato grazie a una piacevolezza d'uso che tanti rivali possono solo invidiare.

Pro

  • Display OLED a 144Hz
  • Molto sottile e leggero
  • Software ottimizzato e curato con chicche speciali uniche
  • Prestazioni generali molto buone
  • 8GB di RAM in accoppiata con 256GB di memoria utente

Contro

  • Fotocamere lontane dai device premium
  • Sporgenza delle fotocamere veramente pronunciata
  • Vibrazione dal suono metallico
  • Audio mono
  • Prezzo di lancio troppo elevato