Android

Niente Android per i Blackberry ma tante app di qualità

"Ho ricevuto un sacco di consigli per puntare solo su Android", ha dichiarato Thorsten Heins, amministratore delegato di RIM in un'intervista All Things Digital. Secondo l'AD però "non c'è molta possibilità di distinguersi. Samsung, che produce molti dei componenti, ha fatto un buon affare per sé stessa, ma per tutti gli altri è difficile distinguersi tra di loro".

Al contrario, Heins, punta tutto su BlackBerry 10. Non si tratta solo di un normale aggiornamento del sistema operativo, ma è la creazione di una nuova piattaforma che affronti il prossimo decennio del mobile computing. "Sono davvero soddisfatto del fatto che abbiamo preso questa decisione", ha continuato.

Detto questo, Heins ha riconosciuto che l'azienda è partita in ritardo nel fare questo passaggio. In parte, ha detto, la società è stata troppo lenta nel rendersi conto che i clienti sono attratti da dispositivi dotati di grandi display e dalla possibilità di scaricare applicazioni. RIM ha invece continuato a puntare sui propri cavalli di battaglia come la gestione delle e-mail, la sicurezza, la scrittura con tastiera e la durata della batteria.

"Col senno di poi, quello che vorrei dire è che probabilmente non abbiamo rilevato  i nuovi trend di mercato abbastanza in fretta", ha detto. "Penso che ora siamo tornati in contatto con la realtà".

L'appuntamento importante di RIM è fissato per il 30 gennaio, quando i primi dispositivi con il nuovo sistema operativo saranno presentati ufficialmente. Anche se l'azienda punterà molto su BlackBerry 10, Heins ha detto che ha lavorato per ridimensionarla: sono stati tagliati 5.000 posti di lavoro , ma al tempo stesso sono stati assunti dipendenti per lavorare sul nuovo sistema operativo.

Parlando nello specifico di BlackBerry 10, l'AD ritiene che nonostante abbia un ecosistema di app di gran lunga inferiore a quella dei rivali Apple e Google, il nuovo sistema operativo saprà finalmente competere ad armi pari con i concorrenti. Secondo Heins, non è il numero di app che fa lievitare le vendite, ma la qualità delle stesse. "Distribuiremo le app a seconda del Paese", ha dichiarato a Reuters, "il nostro obiettivo è di avere le più importanti 200-400 applicazioni disponibili da subito".

Non è una cattiva strategia, vista la posizione attuale dell'azienda. E realisticamente, che altro può fare? Non c'è modo di competere con il numero di applicazioni che Apple e Google sono in grado di offrire ai propri utenti, ma se l'offerta di applicazioni di qualità sarà sufficiente a soddisfare le necessità più comuni, il numero di app disponibili per BlackBerry 10 potrebbe non essere così importante.

"A mio parere è davvero miope dire che hai 600.000 app o 400.000", ha aggiunto l'AD. "Guardate quante effettivamente vengono scaricate. Non abbiamo 1500 applicazioni Solitairio, questo non è ciò che vuole l'utente BlackBerry".