Android

OnePlus 5, il top gamma con potenza da vendere

OnePlus 5 è stato finalmente svelato in via ufficiale. Nella giornata di ieri, alle 18:00 ora italiana, l'azienda cinese ha alzato il sipario sul suo nuovo smartphone top gamma. Si tratta di un dispositivo che, come da tradizione per questa gamma, punta molto sulla scheda tecnica. Una scelta che, del resto, ha contribuito a decretarne il successo nel corso degli anni, unitamente al prezzo contenuto rispetto ai diretti concorrenti.

Il cuore pulsante di OnePlus 5 è costituito dal SoC Snapdragon 835 di Qualcomm, accoppiato a 6 o 8 GB di RAM LPDDR4X a seconda della versione scelta. È il primo smartphone a poter contare su un quantitativo così elevato di memoria, e sarà dunque molto interessante verificare l'impatto di questa peculiarità in sede di recensione.

OnePlus 5

Il comparto grafico è affidato alla GPU Adreno 540, che abbiamo già visto in azione in dispositivi come lo Xiaomi Mi 6, la variante statunitense del Galaxy S8 di Samsung, il Sony Xperia XZ Premium. OnePlus 5 dovrebbe offrire prestazioni in ambito gaming superiori rispetto ai predecessori, un aspetto che verificheremo in fase di test.

Leggi anche: OnePlus 5, tutti i dettagli in attesa della presentazione

Scelta conservativa per il display, come vi avevamo preannunciato nelle scorse settimane. OnePlus 5 è stato infatti equipaggiato con uno schermo da 5.5 pollici con risoluzione Full-HD (1.920 x 1.080, 401 PPI), realizzato con tecnologia Super AMOLED. L'azienda cinese continua dunque ad evitare i pannelli QHD, una scelta in contrapposizione con la restante scheda tecnica ma che strizza l'occhio all'autonomia.

OnePlus 5

OnePlus 5 è infatti alimentato da una batteria da 3.300 mAh. In tal senso, l'azienda cinese ha fatto una scelta sorprendente rispetto alle indiscrezioni trapelate in questi mesi, che indicavano un aumento dell'amperaggio rispetto al OnePlus 3T, equipaggiato invece con una batteria da 3.400 mAh

Molto è dipeso dall'ulteriore riduzione dello spessore rispetto al predecessore (7.25 mm contro 7.35 mm), che ha spinto l'azienda cinese verso questa scelta. Nel contesto in questione, assume un ulteriore senso compiuto l'aver scelto nuovamente un pannello Full-HD, decisamente meno esoso rispetto a uno con risoluzione QHD.

OnePlus 5

Non manca comunque lo standard Dash Charge, che offre una ricarica rapida in grado di fornire un'autonomia sufficiente per tutto il giorno al OnePlus 5 in appena 30 minuti. L'azienda cinese ha ulteriormente migliorato questa tecnologia, spostando la gestione dell'alimentazione dal dispositivo all'adattatore per mantenere il telefono su temperature basse durante la ricarica. 

Grande attenzione al comparto fotografico. Sul retro è stato posizionato un modulo con due sensori, entrambi realizzati da Sony. Il primo è l'IMX 398 da 16 MP mentre il secondo è da 20. Per quanto riguarda gli obiettivi invece il primo ha un'apertura focale f/1.7, mentre l'altro è un teleobiettivo con apertura focale f/2.6. Questo secondo sensore consentirà di determinare con accuratezza la distanza rispetto agli oggetti nell'ambiente circostante. Non manca il Flash LED, oltre a una fotocamera anteriore da 16 MP f/2.0.

La parte software è affidata ad Android 7.1.1 Nougat personalizzato con l'interfaccia grafica proprietaria OxygenOS 4.5 L'azienda cinese ha pensato ad un'esperienza utente non lontana da quella stock del robottino verde, una peculiarità che ha sempre rappresentato un punto di forza per questa gamma di smartphone.

Tutto è racchiuso in una scocca unibody in alluminio anodizzato, interrotta solo dalla presenza di un pulsate Home frontale nel quale è stato incastonato il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali. Le bande in policarbonato che nascondono le antenne per la connettività seguono le linee del corpo del OnePlus 5, decisamente meno invasive rispetto alla disposizione orizzontale nel 3T. Due le colorazioni disponibili, ovvero Midnight Black e Slate Gray.

OnePlus 5

Capitolo prezzi e disponibilità. OnePlus 5, nella versione Midnight Black (8 GB RAM / 128 GB di memoria) è stato posizionato al prezzo di 559 euro. Per la versione Slate Gray (6 GB RAM / 64 GB di storage) saranno invece necessari 499 euro. La vendita partirà dal 27 giugno attraverso il portale oneplus.net.

Prezzi che sono rimasti più bassi rispetti ai concorrenti, ma che hanno senza dubbio subito un aumento rispetto agli standard del passato. In tal senso, è eloquente ricordare come il OnePlus One, il primo flagship killer dell'azienda cinese, fu posizionato a partire da 269 euro, fino ad arrivare ai 299 euro per la variante da 64 GB di memoria interna.

OnePlus 5

Altri tempi, senza dubbio, ma che rappresentano una tendenza che sembra ormai una precisa strategia commerciale. OnePlus oggi mira a qualcosa di più rispetto al solo pubblico degli utenti più consapevoli. Per poter fare questo, gli investimenti in ambito marketing e pubblicitario sono senza dubbio lievitati in questi anni, senza dimenticare il salto di qualità in ambito costruttivo per gli smartphone.

Leggi anche: Samsung e Apple, è davvero Huawei l'avversario?

Tutti aspetti che certificano la volontà dell'azienda cinese di compiere un nuovo step evolutivo, che possa consentirle di arrivare anche al grande pubblico. In tal senso, basti pensare come il OnePlus 5, al di là della vendita online, sarà disponibile all'acquisto presso i negozi one-day pop-up a New York il 20 giugno e a Londra, Berlino, Parigi, Amsterdam, Helsinki e Copenaghen il 21 giugno.

OnePlus 5

È probabilmente anacronistico, oggi come oggi, parlare ancora dei dispositivi OnePlus come di flagship killer. Non ci sono dubbi sul fatto che mantengano un ottimo rapporto qualità/prezzo rispetto ai diretti concorrenti, ma è evidente come la logica dell'azienda cinese si sia profondamente modificata negli ultimi anni.


Tom's Consiglia

Il Huawei P8 Lite 2017 è l'attuale proposta dell'azienda cinese per la fascia medio-bassa. È caratterizzato da 3 GB di RAM, display Full-HD e un ottimo rapporto qualità/prezzo.