Tom's Hardware Italia
Android

Xiaomi Mi5, secondo il CEO varrà la pena attenderlo

Ma che fine ha fatto lo Xiaomi Mi5? Atteso a inizio anno, è stato poi rimandato diverse volte, anche per i problemi legati allo Snapdragon 810 e anche ieri, alla presentazione del Redmi Note 3 e del Mi Pad 2, è stato il grande assente. Il CEO tuttavia ha assicurato che l'attesa sarà ricompensata.

Dello Xiaomi Mi5, atteso nuovo top gamma dell'azienda cinese, si sono ormai perse le tracce, eppure secondo il CEO, varrà la pena averlo atteso così a lungo: la dichiarazione è stata fatta ieri, proprio in calce all'evento di presentazione del Redmi Note 3 e del Mi Pad 2, dove il Mi5 è stato ancora una volta il grande assente.

Perché varrà la pena attenderlo il CEO ovviamente non l'ha detto, come non ha specificato quanto ancora bisognerà aspettarlo, ma chiaramente l'allusione riguarda la qualità globale, o magari qualche caratteristica o funzione particolare, che, a suo dire, ricompenserà ampiamente gli utenti per la lunga attesa, che tra poco supererà l'anno.

xiaomi mi5

Inizialmente infatti lo Xiaomi Mi5 era atteso già all'inizio di quest'anno, ma poi le difficoltà con l'implementazione del problematico SoC Qualcomm Snapdragon 810, l'avevano fatto slittare avanti, finché alla fine lo smartphone non si è perso nei meandri aziendali, senza lasciare dietro di sé alcuna dichiarazione ufficiale.

Fortunatamente comunque quello che tace Xiaomi è compensato in parte dalle voci di corridoio che invece abbondano sempre sul Web. In particolare da uno degli ultimi avvistamenti, risalenti allo scorso agosto, durante il passaggio di un prototipo sul famoso benchmark AnTuTu, abbiamo appreso che molto probabilmente lo Xiaomi Mi5 avrà uno Snapdragon 820 e 4 GB di RAM, inoltre i punteggi ottenuti hanno davvero impressionato: che sia questa la caratteristica a cui si riferiva il CEO?