Tom's Hardware Italia
Android

Xiaomi, obiettivo 100 milioni di smartphone spediti nel 2018

Xiaomi punta a raggiungere i 100 milioni di smartphone spediti entro la fine del 2018. L'obiettivo dell'azienda cinese passa attraverso il consolidamento della propria posizione in due mercati chiave come Cina e India, oltre alla recente espansione in Europa e Stati Uniti. Negli USA però la situazione è più complessa, visto il particolare contesto scaturito […]

Xiaomi punta a raggiungere i 100 milioni di smartphone spediti entro la fine del 2018. L'obiettivo dell'azienda cinese passa attraverso il consolidamento della propria posizione in due mercati chiave come Cina e India, oltre alla recente espansione in Europa e Stati Uniti. Negli USA però la situazione è più complessa, visto il particolare contesto scaturito dalle sanzioni a ZTE e dall'indagine avviata nei confronti di Huawei.

Non è certamente un mistero il fatto che il Governo degli Stati Uniti non veda di buon occhio l'espansione di questi giganti cinesi. Nel caso di ZTE, la sanzione per aver violato l'embargo nei confronti dell'Iran, premiando successivamente i propri dipendenti coinvolti nella vicenda anziché punirili, è stata durissima. Oltre a una multa da quasi 1 miliardo di dollari, l'azienda non potrà utilizzare componentistica statunitense per 7 anni, e rischia anche di perdere la licenza per i servizi Google.

004700izs4u55yemf54exj

Per quanto riguarda Huawei invece, come riportato la scorsa settimana dal Wall Street Journal, è stata avviata un'indagine da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, anche in questo caso in merito a ipotetiche violazioni dell'embargo nei confronti dell'Iran. Un'accusa ovviamente tutta da dimostrare, che potrebbe comunque avere conseguenze meno pesanti rispetto a ZTE.

Leggi anche: Huawei, rischio sanzioni dagli Stati Uniti

In questo contesto, Xiaomi sembra aver già avviato le trattative con gli operatori telefonici statunitensi, un passaggio inevitabile per cercare di penetrare nel mercato del Paese a stelle e strisce. La strategia dell'azienda cinese dovrebbe sempre essere quella di puntare sul rapporto qualità/prezzo, esattamente come sta facendo in Europa.

xiaomi mi mix 2s 7 74a52e871bc8a210e50c18e6e65401cb1

In quest'ottica va letto l'accordo che Xiaomi avrebbe stretto con la taiwanese TSMC per la produzione del Surge S2, seconda generazione del SoC proprietario dell'azienda cinese. La logica, nel tempo, sarà quella di poter gradualmente realizzare in casa buona parte delle componenti, una sorta di approccio alla Samsung, con le dovute proporzioni.

Leggi anche: Xiaomi, ecco il sito web ufficiale per l'Italia

Per il Surge S2 si parla di processo produttivo a 16 nm,  con CPU octa-core caratterizzata da quattro Cortex A73 con frequenza di 2,2 GHz e da altri quattro Cortex A53 con clock di 1,8 GHz. La GPU integrata sarà invece una Mali G71MP8. Questo potrebbe essere il SoC che caratterizzerà i prossimi smartphone Xiaomi entry-level.

xiaomi surge s2

L'azienda cinese prosegue dunque con i propri progetti di espansione a livello globale. L'obiettivo dei 100 milioni di smartphone spediti entro la fine del 2018 sembra essere alla portata, almeno potenzialmente. Per poter puntare alle prime posizioni del settore però molto dipenderà dalla capacità di permeare il mercato statunitense. Un'impresa, quest'ultima, che in questi anni non è riuscita neanche a Huawei.


Tom's Consiglia

Xiaomi Mi Mix 2 è uno smartphone top di gamma dell'azienda cinese, caratterizzato da un design borderless davvero d'impatto e dalla presenza del SoC Snapdragon 835. È disponibile all'acquisto attraverso Amazon a meno di 400 euro.