Xbox One

Attack of Titan 2: Final Battle Recensione


Attack of Titan 2: Final Battle – Xbox One
Genere
Action - RPG
Piattaforma
Xbox One, Nintendo Switch, PlayStation 4, PC
Sviluppatore
Omega Force
Editore
KOEI TECMO
Data di Uscita
5/07/2019

Attack of Titan è senza dubbio uno degli anime più amati degli ultimi anni. Un successo senza pari che ha convinto Koei Tecmo nel realizzare una serie di videogiochi dedicati a questo fenomeno, un progetto che ha funzionato, riuscendo nell’intento di sviluppare dei tie-in davvero ben fatto e con un’anima propria, pur prendendo spunto dalla serie. Un aspetto tutt’altro che semplice e scontato.

Dopo aver rilasciato Attack of Titan 2 l’anno scorso, Koei Tecmo torna quest’anno con Attack of Titan 2: Final Battle, una versione stand alone che oltre a comprendere tutto A.O.T. 2, aggiunge la terza stagione animata e una serie di caratteristiche in più, che ora vi andremo a raccontare nel dettaglio attraverso questa recensione.

Come nell’anime

Vista l’edizione, ci concentreremo principalmente su quello che introduce, in particolar modo sulla terza stagione dell’anime. Koei Tecmo, infatti, ha preferito introdurla come DLC e grande espansione del secondo capitolo, piuttosto che fare un terzo videogioco ad essa dedicata. Una scelta che non cambia comunque le carte in tavola, visto che il prezzo è più o meno quello di un gioco venduto singolarmente, anche con l’upgrade pack reperibile sui rispettivi store online.

Il gioco permette sia di giocare la campagna che di passare direttamente ai fatti veri e propri della terza stagione grazie alla Modalità Episodio Personaggio. In questo caso è possibile rivivere le vicende raccontate, immedesimandosi nei rispettivi protagonisti e antagonisti della storia come Levi, Mikasa, Armin, Eren, Zeke, Bertholdt, Reiner e Annie.

Il tutto sarà diviso in missioni di difficoltà crescente che permetteranno, se completate, di ottenere ricompense dedicate ai materiali che possono essere utilizzati anche con tutte le altre modalità, compresa la campagna normale. C’è da sottolineare che la Modalità Episodio Personaggio consente a tutti gli effetti di vivere la terza stagione in maniera incredibile, con situazioni e dialoghi praticamente identici all’anime, ma esula dalle meccaniche più ruolistiche della classica Modalità Storia, questo perché l’equipaggiamento non può essere né modificato né migliorato durante la Modalità Episodio Personaggio.

Oltre a questo, Koei Tecmo ha introdotto anche nuove armi, come le due pistole da fuoco e la Thunder Spear, la “Lancia del Tuono” già largamente apprezzata durante le vicende animate. Entrambi i nuovi armamenti offrono delle meccaniche in più dal punto di vista del gun-fight, dando vita a scontri ancora più dinamici, ma sempre abbastanza soddisfacenti dal punto di vista della difficoltà. Se non doveste essere troppo avvezzi al genere, ma avete amato l’anime e quindi volete assolutamente giocarci, sappiate che gli sviluppatori hanno introdotto una difficoltà “Ultra facile” adatta a quel genere di giocatori.

Se avete giocato Attack of Titan 2, sappiate che Final Battle non fa passi da “gigante” rispetto al predecessore. Tutta l’estetica e l’impatto generale è praticamente identico ad Attack of Titan 2 e anche se il design risulta molto simile all’anime, nella sua totalità non colpisce per il suo comparto visivo, soprattutto per lo sfondo e per gli ambienti di gioco, ma sicuramente lascia piacevolmente soddisfatti per quanto concerne personaggi umani e giganti, fedelmente riprodotti anche nelle animazioni.

A contornare il tutto ci pensa l’ottima colonna sonora e il comparto sonoro, con musiche e suoni ambientali di ottimo livello, così come le performance dei doppiatori originali dell’anime che, per l’occasione, hanno prestato la loro voce al videogioco.

Non solo racconto

Il team di sviluppo non ha certamente stravolto il gioco, non ha aggiunto particolari novità importanti che avrebbero potuto rendere questo gioco un must have, ma ha comunque voluto aggiungere una modalità chiamata Riconquista territorio, giocabile sia in sigle player che online.

Questa particolare modalità mischia combattimenti e strategia necessari per riconquistare dei territori in continua evoluzione e sempre più difficile da ripulire dalla presenza dei giganti. Anche in questo caso si potranno ottenere diverse ricompense, oltre che un grado che certifica il nostro lavoro.

Attack of Titan 2: Final Battle – Xbox One

Attack of Titan 2: Final Battle introduce la terza stagione dell’anime, una nuova modalità e alcune nuove armi e meccaniche, oltre a comprendere tutto ciò che è stato già visto in Attack of Titan 2.

7.5
7.5

Verdetto

La forza di Koei Tecmo è senza dubbio quella di riuscire a integrare in un videogioco le parti più importanti dell'anime senza snaturare troppo la serie, e nel contempo aggiungere qualcosa in più alle vicende raccontate. Anche con la terza stagione gli sviluppatori sono riusciti nell'intento, introducendo nel frattempo la modalità Riconquista Territorio oltre a nuove armi e meccaniche. Insomma, un prodotto e contenutisticamente valido, ma che non migliora l'aspetto tecnico del gioco visto l'anno scorso né tanto meno aggiunge novità significative nell'economia del titolo che rimane comunque consigliatissimo per chi ama Attack of Titan e vuole vivere la terza stagione in maniera differente.

Pro

- La terza stagione, vista e vissuta in maniera differente.
- Design e atmosfera identico all'anime.
- Le nuove meccaniche e le nuove modalità divertono, seppur non aggiungendo molto al gioco.

Contro

- Graficamente si poteva fare di più.
- Poche reali novità importanti.