Giochi PC

DRM Denuvo, bypass corretto ma ecco un crack per Tomb Raider

Denuvo torna a essere un DRM inespugnabile, almeno nella sua ultima versione. Il bypass della protezione, attuabile sfruttando la demo di DOOM e una vulnerabilità di Steam, è stato velocemente corretto dall'azienda.

La felicità dei pirati del web è durata poco, ma dopo tre giorni di funzionanamento il bypass ideato da Voksi è già acqua passata, nonostante funzionasse con qualsiasi videogioco protetto da Denuvo, tra cui l'"incraccabile" Just Cause 3 e i recenti Homefront: The Revolution e Rise of the Tomb Raider.

0zHKgYr

In ogni caso nei giorni appena trascorsi più di 600000 utenti hanno potuto giocare gratuitamente e illegalmente a molti titoli considerati inespugnabili, ma ora se vogliono continuare dovranno pagare come è giusto che sia.

Tuttavia, morto un crack se ne fa un altro, infatti un team italiano noto come CPY è riuscito a spezzare le difese di Denuvo. In questo caso si parla di un vero crack e non di un bypass come quello di Voksi, che agisce caricando l'eseguibile nella memoria e poi modificandolo in modo da disabilitare il DRM. C'è però un limite: è stata craccata la versione v3 di Denuvo di Rise of the Tomb Raider, mentre tutti gli altri titoli che usano quel DRM hanno bisogno di un crack apposito.

1v7txbH

È la fine di Denuvo? Probabilmente no, per gli sviluppatori e publisher continua a essere un DRM solido e funzionante, almeno nei primi mesi della pubblicazione del videogioco. Questo aspetto è fondamentale per le aziende proprio perché la maggior parte delle vendite avviene nel breve termine piuttosto che nel lungo periodo.

Certamente il DRM dovrà essere migliorato se vorrà continuare a competere sul mercato e speriamo che questi miglioramenti non impattino negativamente su coloro che acquistano onestamente i videogiochi.

Rise of the Tomb Raider PC Rise of the Tomb Raider PC
  
Rise of the Tomb Raider Xbox 360 Rise of the Tomb Raider Xbox 360
  
Rise of the Tomb Raider Xbox One Rise of the Tomb Raider Xbox One