Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Overwatch, al Blizzcon 2018 abbiamo provato il nuovo personaggio: Ashe

Abbiamo provato al Blizzcon 2018: Ashe, il 29° personaggio di Overwatch. Ecco le nostre considerazioni.

Overwatch è stato, tanto per cambiare, uno dei protagonisti di questa Blizzcon 2018 sia per quanto riguarda tutta la sua componente Esport che ha saputo regalare spettacolo all’interno della gigantesca Arena dedicata sia l’annuncio ad esso dedicato. Durante la cerimonia d’apertura è stato infatti mostrato un nuovo corto animato: Reunion che ha lasciato a bocca aperta tutto il pubblico da casa e dal vivo. Il protagonista: Jesse Mcree incontra una sua vecchia conoscenza: Ashe, una temibile pistolera a capo di una banda chiamata Deadlock.

Ed è proprio Ashe il 29° eroe di Overwatch; un incredibile personaggio che abbiamo provato in anteprima qua alla Blizzcon 2018 e che arriverà per tutti prossimamente.

Una cowboy da non sottovalutare

Ashe è un personaggio d’attacco DPS altamente basato sull’abilità del giocatore. Una giovane cowboy armata di  carabina a ripetizione chiamata Vipera, dall’elevato danno da fuoco. Le sue particolarità sono molteplici, ragion per cui è ragguardevole andare per ordine. La prima cosa che salta all’occhio è la possibilità di mirare, esattamente come in qualsiasi FPS, ma il suo aim è di fatto una modalità di fuoco secondaria, più lenta, ma anche più precisa e devastante.

La sua abilità primaria gli consente di sparare con la doppietta un colpo potente in grado di respingere i nemici o di sfruttare l’ambiente circostante per lanciarsi in aria, indietro o davanti con la classica meccanica del rocket jump, nata dal contesto competitivo.

La sua seconda skill è dedicata al lancio di un candelotto di dinamite che esplode dopo poco tempo o immediatamente se colpito con il fucile. L’esplosione causa, oltre al danno immediato, anche danni periodici ai nemici attraverso le fiamme che genera.

Infine la Final che permette richiamare sul campo di battaglia il fedele compagno di banda B.O.B. che scatta in avanti respingendo tutti i nemici davanti a se, per poi coprire Ashe con i suoi cannoni da polso. B.O.B. può rimanere sul terreno di gioco per massimo 10 secondi, tuttavia può essere eliminato prima, ma anche curato dagli alleati.

Provandolo con mano non possiamo che essere soddisfatti dalla cura che gli sviluppatori hanno messo in questa nuova eroina: diverte e soddisfa e anche se per utilizzarlo al meglio è necessario una certa skill, non è assolutamente frustrante per chi prende il gioco più alla leggera, da questo punto di vista siamo sicuri che gli amanti degli FPS classici potrebbero trovare in Ashe il personaggio adatto a loro.

Sarà interessante capire che combo potranno essere utilizzate con lei, in una intervista con due sviluppatori ci è stato fatto l’esempio di Mei, che una volta lanciata la sua ultimate Ashe può lanciare la dinamite e annientare facilmente i nemici della squadra avversaria.

Conclusioni

Già dall’annuncio, Ashe, ma soprattutto il suo braccio: B.O.B. sono entrati nel cuore dei fan di Overwatch. Oltre ad essere un personaggio esteticamente pregevole e dal design encomiabile, Ashe è anche un’eroina divertentissima da utilizzare e anche se la sua curva d’apprendimento è rivolta verso l’alto, non è comunque vanificante da utilizzare e piacerà soprattutto a quelli che amano giocare agli FPS classici. La temibile cowboy uscirà prossimamente su Xbox One, PC e Playstation 4 come aggiornamento gratuito.

Non hai ancora Overwatch? Non perdere tempo e acquistalo subito da Amazon!