Telco

AGCOM: ecco le vere prestazioni medie 3G e 4G

Se gli operatori mobili italiani fossero costretti a far pagare le loro prestazioni come al mercato rionale – un tanto all'Mbps – chiuderebbero bottega. Il Garante delle Comunicazioni ha pubblicato il resoconto preliminare della campagna Misura Internet Mobile 2016, in pratica i primi risultati della sua attività di "rilevazione e valutazione della qualità di servizio relativa alle connessioni dati a banda larga per le reti mobili italiane" basate su test realizzati dagli utenti.

Si parla di un periodo di monitoraggio, che per questa ultima sessione, è andato dal 24 ottobre 2016 all'8 marzo 2017, durante i giorni lavorativi con smartphone LTE (category 4) basati su Android. Insomma, l'idea era quella di replicare le condizioni in cui si trovano la maggioranza degli utenti italiani. E non a caso sono state scelte le reti di 3 Italia, Wind, TIM e Vodafone.

AGCOM
Le città monitorare

Al solito bisogna considerare che si tratta di medie statistiche, con tutte le conseguenze del caso: ci sarà sempre un utente con il miglior terminale del mercato e una condizione di affollamento celle ridotto che andrà meglio di un altro con cellulare meno evoluto in una zona affollata.

Al netto degli estremi si può dedurre dai rilevamenti effettuati nelle principali città italiane (40) che ormai la maggioranza degli italiani sono coperti da 3G (max nominale 42 Mbps) e 4G (max nominale 150 Mbps).

agcom

Wind vanta un 71% di traffico generato su 3G, mentre 3 Italia, TIM e Vodafone si fermano rispettivamente al 62%, 42% e 39%. Sul fronte 4G domina Vodafone con il 61%, contro il 58% di TIM, il 38% di 3 Italia e il 29% di Wind.

3G
Media 3G in 30 città

I valori prestazionali medi raggiunti nelle 40 città monitorate in 3G sono stati di 9,5 Mbps in download e 2,9 Mbps in upload, con fluttuazioni minime in relazione alla popolosità dei territori. A livello regionale si è distinto il Friuli Venezia Giulia con una media di 11,4 Mbps in download, mentre la maglia nera è andata alla Sardegna con 6,8 Mbps.

4G
4G in città con popolazioni diverse

Lo scenario migliora con i servizi 4G ma non così tanto come ci si aspetterebbe. La media nazionale in download raggiunge 27,7 Mbps mentre in upload non supera i 19,9 Mbps. Anche in questo la popolosità delle città non incide moltissimo: nei centri con 200-500mila abitanti si guadagnano in media 2,8 Mbps in download e 0,6 Mbps in upload. Bologna eccelle con 33,6 Mbps in download, mentre Napoli non va oltre i 22,6 Mbps.

3G
4G nelle principali 10 cirrà

L'AGCOM ha pubblicato anche tabelle che riguardano i rilevamenti dinamici, quindi in movimento su auto in città e fuori città. In 4G la situazione non cambia molto, con variazioni di qualche Mbps – quindi non più del 10% in meno. Mentre in 3G le medie crollano, con download e upload rispettivamente a quota 7,2 Mbps e 2,4 Mbps – praticamente il 20/30% in meno a seconda dei casi.


Tom's Consiglia

Qualcuno ha detto Nokia 3310? A volte sembra di vivere in un'altra epoca.