Tom's Hardware Italia
e-Gov

Amazon, stop a vendita di libri pseudoscientifici su vaccini e “cura” dell’autismo

Amazon ha deciso di rimuovere dal proprio marketplace tutti i libri pseudoscientifici che trattano dei vaccini o che consigliano "cure" infondate per l'autismo.

Amazon dice basta ai testi pseudoscientifici. Sul proprio marketplace infatti non saranno più venduti libri che discutano di vaccini con argomentazioni scientificamente infondate o che consiglino improbabili “cure” per l’autismo, spesso consigliando l’utilizzo di sostanze potenzialmente tossiche e pericolose.

La decisione, annunciata nella giornata di martedì, è stata maturata dopo le pressioni ricevute da Wired in merito alla disponibilità in vendita di diversi testi che trattavano in maniera dubbia argomenti come i vaccini e i disturbi dello spettro autistico, spesso consigliando “cure” con sostanze destinate al trattamento di avvelenamenti da arsenico, mercurio o piombo o basate sull’immersione o l’ingestione di diossido di cloro, un potente ossidante utilizzato nel candeggiamento e nel trattamento delle acque per la disinfezione, fortemente tossico.

Photo credit - davidtran07/depositphotos.com

In realtà sono anni che diverse organizzazioni di attivisti chiedevano ad Amazon la rimozione di testi di questo tipo, senza successo. Il crescere esponenziale dell’attenzione su questi temi ha però infine convinto il colosso a intervenire in maniera decisa. Proprio nei giorni scorsi del resto Facebook ha annunciato misure che sembrano andare nella stessa direzione, spiegando che i post che diffondono contenuti pseudoscientifici sui vaccini riceveranno un rating particolarmente basso, in modo da ostacolarne il più possibile la diffusione. Più il rating di un post è basso, infatti, e meno questi apparirà nei nostri newsfeed.

‎Per il momento i titoli rimossi sarebbero solo due, “Guarire dai sintomi noti come Autismo” e “Combattere l’autismo e vincere”. Il colosso di Seattle però si è rifiutato di rispondere a domande o rilasciare dichiarazioni ufficiali in merito alle motivazioni della decisione, né ha specificato se l’azione si limiterà ai due testi in oggetto o si estenderà ai tanti altri libri che affrontano gli stessi temi con approcci simili.‎