Tom's Hardware Italia
e-Gov

Class action di Altroconsumo contro Facebook: punta a un risarcimento privacy da 285 euro per ogni anno di iscrizione

La Class Action di Altroconsumo chiede per tutti gli utenti Facebook italiani un risarcimento di 285 euro per ogni anno di iscrizione a causa dell'uso improprio dei dati che ha fatto in questi anni.

Altroconsumo ha avviato una raccolta adesioni per una class action contro Facebook. Il tema è quello della “raccolta e l’utilizzo per finalità informative e/o commerciali dei dati”. Secondo la nota associazione dei consumatori lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica avrebbe svelato un uso  poco chiaro dei profili personali e degli altri dati raccolti: si pensi ad esempio ai “like” su un post, l’iscrizione a pagine e la condivisione con terzi di ogni informazione.

“Riteniamo che tutti i consumatori abbiano il diritto di beneficiare dell’innovazione tecnologica con la giusta tutela e sicurezza, potendone conoscere le potenzialità, partecipando alla costruzione del valore economico derivante dallo sfruttamento del dato e beneficiando dei profitti creati dalle aziende grazie all’utilizzo dei loro dati”, scrive Altroconsumo.

“Abbiamo più volte chiesto a Facebook, anche in occasioni di incontri formali, di rispondere alle nostre richieste di risarcimento per l’uso improprio dei dati. Senza ottenere risposta. Per queste ragioni, Altroconsumo ha deciso di avviare una class action per offrire uno strumento concreto di tutela alle centinaia di migliaia di utenti iscritti a Facebook“.

L’obiettivo è ottenere anche un risarcimento di 285 euro per ogni anno di iscrizione al social (tra valore economico dei dati e danni morali).

“Possono pre-aderire a questa azione tutti gli utenti iscritti a Facebook. Se sei minorenne dovranno partecipare per te i tuoi genitori o il tuo tutore legale”, puntualizza Altroconsumo. L’adesione è gratuita, non prevede il pagamento di avvocati e “in caso di ammissibilità dell’azione da parte del Tribunale di Milano tutti gli aventi diritto avranno la possibilità di aderire senza costi inviando direttamente la propria richiesta secondo le modalità che verranno stabilite dal Giudice”.

Ma come funziona una class action? In una prima fase il Giudice si esprime sull’ammissibilità dell’azione di classe. In caso positivo è possibile aderire formalmente all’azione senza sostenere nessun costo. “Gli aggiornamenti sull’azione verranno inviati ai pre-aderenti via email all’indirizzo fornito al momento della compilazione del modulo online oppure possono essere visualizzati nella propria area personale del sito di Altroconsumo”, conclude l’associazione.