Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Einstein dà lezioni di vita, la ricetta va all’asta domani

Domani verranno battuti all'asta due bigliettini che Albert Einstein scrisse a mano e consegnò a un corriere di Tokyo. Non hanno valore scientifico, sono rare lezioni di vita del padre della Relatività.

Se vi dicessi che ''una vita tranquilla e modesta porta più gioia che la ricerca del successo, che implica una costante agitazione'' qualcuno potrebbe guardarmi sornione e rispondermi: "grazie al cavolo!". Scommetto che la reazione di moltissime persone cambierebbe radicalmente se a dirlo fosse Albert Einstein, uno dei padri della Fisica moderna. E se invece che dirlo ve lo scrivesse su un bigliettino?

Non so quale sia stata la reazione del corriere che visse quest'esperienza, ma di certo capì che l'uomo che lo stava ringraziando in maniera così originale per la consegna di una missiva non era "uno qualunque" (aveva ricevuto il Nobel da poco), tanto che quel bigliettino scarabocchiato al volo se lo tenne stretto.

36

La storia risale al 1922, quando Einstein era ospite dell'Imperial Hotel di Tokyo, e i biglietti che scrisse furono due: uno che ho già citato, l'altro che riportava la frase di Lenin: "Dove c'è la volontà, c'è una strada", entrambi scritti in tedesco. Due frasi che non c'entrano con la relazione che stava preparando per il suo intervento del giorno dopo a una conferenza, che non hanno alcun valore scientifico, e che secondo Roni Grosz dell'Università Ebraica di Gerusalemme potrebbero essere legate alle riflessioni di Einstein sulla sua crescente fama.

Non si sa bene perché Einstein li abbia scritti, forse perché in Giappone le mance non sono gradite. Sta di fatto che stando a quanto riportato dal The Times of Israel Einstein avrebbe detto al corriere: "forse sei fortunato, queste note diventeranno molto più preziose di una mancia". E così è: i due biglietti, scritti sulla carta intestata dell'hotel, domani vanno all'asta a Gerusalemme, e qualcuno sborserà una bella cifra per portarseli a casa: si stimano 26mila dollari per il primo e 9mila dollari per il secondo biglietto. Rilanciate con un'offerta?

Aggiornamento 25 ottobre: il biglietto con l'appunto: "una vita tranquilla e modesta porta più gioia che la ricerca del successo, che implica una costante agitazione'' è stato battuto all'asta per 1,56 milioni di dollari. La riproposizione della frase di Lenin è invece stata pagata 240mila dollari, in entrambi i casi molto più della cifra stimata in origine.


Tom's Consiglia

Un altro importante regalo che Einstein fece ai posteri è il libro Relatività. Esposizione divulgativa. Leggetelo anche e soprattutto se di Fisica sapete poco!