Tom's Hardware Italia
e-Gov

FBI: non ci hanno rubato i dati Apple perché non li abbiamo

L'FBI nega di aver subito un furto di dati, e anche di aver mai posseduto i dati di identificazione di oltre 12.000.000 di utenti Apple. Anonymous risponde con sarcasmo e ricorda che ci sono altri dati pronti da pubblicare.

Il Federal Bureau of Investigation ha negato di aver subito il furto di dati messo a segno da Antisec, e anche di aver mai posseduto i dati di identificazione appartenenti a oltre dodici milioni di dispositivi Apple iOS. Una risposta relativamente scontata e prevedibile da parte dell'FBI, che se pure avesse le informazioni in questione non lo andrebbe certo a raccontare in giro.

La negazione dell'agenzia governativa è tra l'altro stringatissima: l'FBI si limita dire di non aver mai posseduto i dati in questione, e che le affermazioni di Antisec/Anonymous sono totalmente false. Sufficiente però a innescare diverse reazioni su Twitter, blog e siti specializzati.

Botta e risposta tra Anonymous ed FBI

Anonymous non si è limitata a schernire la (debole) smentita che arriva da Washington, ma ha ricordato di avere "ancora 3 TB di dati. Non abbiamo nemmeno cominciato".

Se Anonymous dovesse andare avanti su questa strada allora avremmo un cerchio che si chiude. Il gruppo ha reso famoso il termine cyberattivismo, e si è legato a doppio filo alle vicende di Julian Assange. Ora più che mai Anonymous promette di riproporre ciò che faceva Wikileaks: rendere di dominio pubblico informazioni riservate e "scomode", mettendole nelle mani di giornalisti e delle persone comuni. Un'azione provocatoria e destabilizzante, che ha messo Assange in una situazione piuttosto spinosa.

Anonymous però non si può arrestare né estradare, e fermare singoli membri non significa per forza danneggiare "la legione"; il gruppo ha già messo in difficoltà l'FBI con i dati pubblicati ieri, e non saremmo sorpresi se un parlamentare statunitense arrivasse a interrogare ufficialmente il proprio governo a riguardo. Quali altri segreti nasconde la maschera di Guy Fawkes? Riusciranno a portare a termine la loro missione o le autorità li fermeranno in tempo?

Velate minacce?

Siamo curiosi di sapere cosa c'è in quei file, in ogni caso, perché sembra ormai chiaro che Anonymous sta portando le proprie attività a un nuovo livello.