Sicurezza

Forze Speciali britanniche sui social network: tornano i Chindits

L'esercito britannico ha deciso di ricreare le unità di forze speciali "Chindits" che durante la Seconda Guerra Mondiale attuarono azioni di guerriglia a lungo raggio in Birmania e India. Ai tempi il nemico era il Giappone, adesso il terrorismo integralista digitale.

Chindits

Chindits

Altro che giungla e fango, per i nuovi Chindits i terreni di scontro saranno Twitter e Facebook. Machete e kukri (il coltello dei Gurkha) verranno sostituiti da dialettica, intelligence e psicologia. Il Financial Times spiega che effettueranno campagne sui social, faranno disinformazione, diffonderanno verità nelle aree di guerra, creeranno incidenti sotto falsa bandiera e raccoglieranno informazioni.

Insomma, si muoveranno dietro le linee nemiche come i Chindits. Non a caso la brigata è stata creata per aiutare le truppe britanniche "nel combattimento nell'era dell'informazione", avrebbe riferito un ufficiale dell'esercito al quotidiano. L'avvio delle operazioni è previsto per aprile, quando sarà completato il reclutamento presso il Security Assistance Group.

Chindits

La toppa della brigata

La 77th Brigade British Army (in onore della 77th Indian Infantry Brigade) sarà di base a Denison Barracks presso Hermitage (Berkshire). L'obiettivo è arrivare a 453 unità militari civili.

La nota curiosa è che gli storici "Chindits" sono ancora oggi oggetto di dibattito fra gli appassionati di storia militare. Non ottennero mai successi eclatanti ma vengono ricordati per il coraggio e l'audacia dimostrati. Procedevano per km e km dietro le linee nemiche facendosi paracadutare provviste e attrezzature, dopodiché stremati cercavano di raggiungere gli obiettivi prefissati.

Il brigadier generale britannico Orde Charles Wingate ne inventò la tattica nella campagna d'Africa, ma il nome si deve a capitano Aung Thin dell'esercito birmano. Chindit viene dalla cattiva pronuncia del birmano "Chinthé", l'animale mitologico a guardia dei templi buddhisti.