Tom's Hardware Italia
Telco

Il Consiglio di Stato annulla parzialmente il regolamento AGCOM sul copyright, i provider esultano

Il Consiglio di Stato ha annullato parzialmente il Regolamento dell'AGCOM in materia di diritto d’autore.

Il Consiglio di Stato ha dato ragione ai provider sul contestato regolamento AGCOM riguardante il diritto d’autore: il Garante, in qualità di Autorità Amministrativa indipendente, non può sanzionare i fornitori di servizio di connettività o gestori di siti in un ambito che è presidiato dal legislatore.

La sesta Sezione del Consiglio di Stato ieri ha accolto due dei motivi articolati dalla difesa del Movimento di difesa dei Consumatori e Assoprovider, rappresentata dagli Avvocati Fulvio Sarzana di Sant’Ippolito e Maria Sole Montagna, dello Studio legale di Roma, Sarzana e Associati. Se da una parte è stata riconosciuta la legittimità del regolamento, dall’altra i giudici hanno annullato quella sezione che “dispone sanzioni a carico di chi non ottempera agli ordini dell’Autorità” in materia di violazione delle norme sul copyright. Come spiega la nota dello Studio legale Sarzana e Associati il motivo di deve al fatto che “non essendo presenti tali sanzioni nella normativa primaria, non può essere concesso ad una Autorità Amministrativa indipendente, di ipotizzarne, perché tale attività è riservata al legislatore primario”.

In pratica l’AGCOM non può sanzionare direttamente i siti e i provider che violano il diritto d’autore poiché questo potere è della magistratura e inoltre non ha la potestà di segnalare all’Autorità giudiziaria il comportamento di chi non ottempera.

“Il Consiglio di Stato accoglie due dei motivi di ricorso avverso il Regolamento AGCOM sul diritto d’autore che Assoprovider insieme al Movimento di difesa del Cittadino ha presentato al Consiglio di Stato, dando ragione ai provider, non c’è alcuna norma che preveda al possibilità di sanzionare pecuniariamente siti internet o internet service provider, nella materia del diritto d’autore sul web”, ha dichiarato il presidente di Assoprovider Dino Bortolotto.

Dello stesso avviso Francesco Luongo, Presidente dell’Associazione di tutela dei consumatori, Movimento di difesa del cittadino: “Una vittoria per la libertà della rete e per i cittadini del web”.

A questo punto bisognerà capire quali saranno gli effetti di questa sentenza sia sulle procedure in corso, che su quelle passate. Il futuro presidente dell’AGCOM, che verrà designato a breve poiché il mandato di Angelo Maria Cardani scadrà il 26 luglio, sarà costretto a occuparsi immediatamente di un tema caldissimo che potrebbe condizionare fortemente l’azione dell’Autorità.