Telco

Il Governo libera tutto: mettete la fibra dove vi pare, anche nelle fognature

La fibra ottica potrà essere stesa in tutta la penisola italiana sfruttando le infrastrutture di luce, gas, acqua e fognature, ma anche per le reti ferroviarie, strade e aeroporti. È questo uno dei capisaldi del decreto "Comunicazioni" che nei prossimi giorni sarà discusso in Consiglio dei Ministri.

squadre playmobil

Come ha anticipato La Repubblica, che ne ha avuto visione in anteprima, tutte le infrastrutture pubbliche o private che si occupano di distribuzione o prestano servizi di pubblica utilità dovranno concedere "l'accesso alla propria infrastruttura fisica agli operatori di reti di comunicazione elettronica, che ne facciano richiesta scritta, per l'installazione di elementi di reti di comunicazione elettronica".

Il rifiuto sarà possibile solo in caso di inidoneità tecnica dell'infrastruttura, assenza di spazio, ragioni di sicurezza e sanità pubblica, rischi per l'integrità, la sicurezza delle reti o gravi interferenze nei servizi di comunicazione. Dopodiché il prezzo di accesso (all'ingrosso) sarà stabilito dall'AGCOM e sarà tale da "permettere all'operatore di rete che consente l'accesso di recuperare i propri maggiori costi di esercizio e manutenzione". Ogni controversia sarà gestita dal Garante in massimo 2 mesi di tempo.

lego worker

Non meno importante il capitolo che riguarda i permessi: per il via libera alle opere di scavo sarà sufficiente il silenzio assenso. Anche il diritto all'accesso agli edifici potrà essere gestito tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al proprietario, "ovvero ai singoli inquilini o condomini, tramite l'amministratore del condominio". Decorsi 30 giorni il diritto di accesso risulterà perfezionato.

Si parla anche del voucher che dovrebbe consentire un forte sconto sull'abbonamento alla fibra del primo anno. Mancano invece i dettagli relativi all'istituzione del fondo per il finanziamento degli investimenti e al credito di imposta per gli interventi infrastrutturali.

Questione di giorni. Si attende solo l'ok di Bruxelles per l'intero piano.