Home Cinema

La polizia acquista i dati TomTom: saranno dolori

La Polizia olandese ha comprato i dati sul traffico raccolti da TomTom per determinare il posto migliore dove posizionare autovelox e pattuglie di controllo. Solitamente, queste informazioni servono all’azienda per fornire ai clienti aggiornamenti in tempo reale su code, incidenti e per evitare le vie più trafficate, ma le cose adesso potrebbero cambiare.

Chiaramente i dati sono raccolti anonimamente e TomTom si è affrettata a ribadirlo in un comunicato, dopo che la notizia si è diffusa sul Web.

Ogni TomTom raccoglie i dati di navigazione, che possono essere inviati in forma anonima all’azienda

L’azienda specifica che a tutti gli utenti dei suoi prodotti è richiesto il permesso di raccogliere informazioni relative ai tempi di percorrenza in forma anonima. Chi acconsente invia questi dati a TomTom quando si collega il navigatore al PC, o in tempo reale per chi ha un dispositivo “Live”.

In nessun modo, sottolinea l’azienda per rassicurare i suoi clienti, è possibile rintracciare l’identità dell’utente dai dati del traffico.

Nel comunicato si legge che le informazioni raccolte sono fornite anche all’autorità, che le studiano per capire dove si concentrano le code, dove c’è bisogno di costruire nuove vie e come migliorare la sicurezza stradale in generale.

Le informazioni raccolte saranno usate per posizionare meglio pattuglie e autovelox – Clicca per ingrandire

Tuttavia, TomTom si dichiara ignara del fatto che gli stessi dati siano usati dalla Polizia per posizionare in modo più efficiente le cosiddette “speed trap”. Consapevole del fatto che a molti clienti non piacerà l’idea, l’azienda ha dichiarato che deve ancora decidere se permettere questo tipo d’utilizzo delle informazioni.