e-Gov

Microsoft licenzia 18.000 persone e ripudia i Nokia X

Prima la ristrutturazione societaria, poi l'arrivo al vertice di Satya Nadella e ora 18.000 licenziamenti. È una nuova Microsoft che sta operando scelte difficili e coraggiose, puntando su settori piuttosto che altri. "Il primo passo per costruire la giusta organizzazione per le nostre ambizioni è riallineare la nostra forza lavoro", scrive il CEO Nadella.

"Inizieremo a ridurre le dimensioni della nostra forza lavoro complessivamente per un massimo di 18.000 unità nel corso del prossimo anno", aggiunge il CEO. Di questi 12.500 sono lavoratori incamerati dalla divisione Nokia Devices and Services e comprendono sia lavoratori delle fabbriche che altre figure professionali.

Satya Nadella e Stephen Elop al momento dell'acquisizione della divisione mobile di Nokia da parte di Microsoft

"Inizieremo la riduzione con le prime 13.000 unità. La gran parte degli impiegati i cui lavori saranno eliminati riceveranno notifica entro i prossimi sei mesi", si legge nella nota. "È importante notare che mentre stiamo eliminando ruoli in alcuni settori, ne aggiungiamo in altre aree strategiche", spiega Nadella garantendo il massimo supporto ai dipendenti colpiti dai tagli.

La riduzione della forza lavoro è guidata principalmente da due considerazioni: la semplificazione del lavoro e l'integrazione sinergica e strategica di Nokia Devices and Services. Nella nota stampa Nadella afferma di voler "semplificare il lavoro" per avere una Microsoft più agile e scattante. Per questo ci saranno anche meno livelli dirigenziali, per rendere più il processo decisionale più rapido. "Il risultato complessivo di questi cambiamenti sarà la formazione di team più produttivi all'interno di Microsoft. Questi cambiamenti toccheranno sia la forza lavoro di Microsoft che la nostra divisione vendite".

Il CEO afferma inoltre che è in pieno svolgimento l'operazione di integrazione dei team di Nokia Devices and Services all'interno di Microsoft. "Il portfolio di telefoni realizzati internamente si allineerà nella direzione strategica di Microsoft. Per imporci nei segmenti di prezzo elevati ci concentreremo su innovazioni rivoluzionarie. Inoltre, abbiamo in programma far diventare alcuni prodotti Nokia X selezionati dei dispositivi Lumia con sistema operativo Windows Phone. Questo sulla base del nostro successo nel settore degli smartphone a buon mercato e in concerto con il nostro focus sulle applicazioni Windows Universali".

Il destino dei terminali Nokia con Android (modificato) è quindi appeso a un filo. Dalle parole di Nadella sembra che non abbiano futuro, ma non resta che attendere maggiori dettagli per avere un quadro più chiaro. Per quanto riguarda i licenziamenti l'AD parla di "decisioni per cambiare che sono difficili, ma necessarie". Fare il CEO non dev'essere facile, specie in un momento come questo, ma certamente è ancora più difficile mettersi nei panni delle 18.000 persone che perderanno il lavoro. A loro tutto il nostro sostegno.