Tom's Hardware Italia
Telco

Open Fiber 1° bando, ecco dove posizionerà i nodi fibra

Open Fiber ha avviato la raccolta delle manifestazioni d'interesse per l'acquisto di servizi wholesale passivi delle zone indicate nel primo bando Infratel (FASE 1).

Open Fiber ha domandato a tutti i principali provider italiani chi sia interessato a noleggiare i suoi servizi fibra ultra-broadband nelle zone a fallimento di mercato del primo bando Infratel. Nello specifico quelli inseriti nella FASE 1 del progetto.

In pratica entro l'11 novembre TIM, Fastweb, Vodafone e tutti gli altri (anche i piccoli) dovranno confermare "quali dei nodi previsti nel piano di copertura di Open Fiber, vi è l'interesse ad acquisire servizi wholesale passivi". Qui il file da scaricare con l'elenco. Qui l'elenco dei provider che potrebbero aderire.

open fiber
L'architettura di Open Fiber

Quest'ultimo dettaglio è molto utile perché consente di capire agli utenti delle aree e comuni di Abruzzo, Molise, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Veneto dove saranno esattamente ubicati i puntu di collegamento con Open Fiber.

Com'è risaputo l'architettura della società milanese prevede un POP, normalmente ubicato nei pressi di centrali elettriche e poi punti di snodo primario (per 1000 case) e punti di snodo secondario (per 250 case). Il punto di terminazione è solitamente posizionato all'interno dell'edificio.

Leggi anche: Bandi Infratel: ecco i database di tutti i comuni

Qualche appassionato di temi TLC ha fatto notare che molti nodi segnalati nei database sembrano essere nei pressi dei cabinet di TIM – che nelle zone in digital divide di fatto fornisce servizi di connettività consumer e all'ingrosso.

"A seguito di questa prima fase di conferma, gli operatori riceveranno da Open Fiber, coerentemente con le tempistiche di approvazione dei Progetti Definitivi di Fase 1 da parte del Concedente, un preventivo per i servizi wholesale", si legge nella nota uffiale.

"Entro 30 giorni dalla ricezione del preventivo gli operatori interessati dovranno sottoscrivere un impegno vincolante secondo il modello riportato tra i documenti della consultazione".