Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Sale da tavola nell’oceano di Europa, la luna ghiacciata di Giove?

L'enorme mare sepolto sotto alla crosta ghiacciata di Europa potrebbe essere composto da cloruro di sodio salato, come gli oceani della Terra.

L’enorme oceano sotto alla crosta ghiacciata di Europa, la luna di Giove, potrebbe essere simile ai mari della Terra. Lo suggerisce un nuovo studio, secondo cui il Telescopio Spaziale Hubble avrebbe rilevato la probabile presenza di cloruro di sodio (NaCl) sulla superficie ghiacciata di Europa. Il NaCl è lo stesso composto del sale da tavola, e il fatto che si trovi in superficie probabilmente indica che proviene dall’oceano. L’idea è galvanizzante, se si pensa che la salsedine degli oceani della Terra è composta principalmente da NaCl. Samantha Trumbo del California Institute of Technology di Pasadena ha spiegato che “se questo cloruro di sodio riflettesse davvero la composizione interna, allora [l’oceano di Europa] potrebbe essere più simile alla Terra di quanto pensassimo“.

La sonda spaziale Galileo della NASA , che orbitò Giove dal 1995 al 2003, individuò alcune macchie giallastre sulla superficie di Europa. Successivamente, esperimenti di laboratorio condotti in condizioni simulate suggerirono la possibile presenza di NaCl irradiato in questi “centri di colore”. Seguendo questa idea Trumbo e i colleghi sono andati alla ricerca di specifici segnali di NaCl, usando l’Hubble Space Telescope Imaging Spectrograph (STIS) su quattro serie di osservazioni, fatte da maggio 2017 ad agosto 2017.

Europa, la luna ghiacciata di Giove. Crediti: NASA/ESA/W. Sparks (STScI)/USGS Astrogeology Science Center

STIS ha individuato una linea di assorbimento a 450 nanometri, che è caratteristica del NaCl irradiato. Ma questa firma non era diffusa su tutta la superficie di Europa. Era presente solo sull’emisfero della luna costantemente rivolto verso Giove. Inoltre, il NaCl era concentrato nelle “regioni del caos”: aree complesse, disgregate e geologicamente giovani della superficie di Europa, il cui materiale potrebbe provenire dall’oceano sottostante.

L’emisfero esterno di Europa viene bombardato costantemente da composti di zolfo emessi da un’altra delle molte lune di Giove, la vulcanica Io. Ma l’emisfero interno di Europa è protetto da questa pioggia cosmica, quindi la composizione del terreno potrebbe rappresentare al meglio il materiale endogeno di Europa. Il condizionale è d’obbligo perché queste sono ipotesi e deduzioni logiche, non c’è ancora abbastanza materiale per capire se la disposizione sia la teoria sia corretta o se la posizione del NaCl sia solo un caso.

Se siete appassionati di astronomia date un’occhiata i telescopi migliori in circolazione.