Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Toyota produrrà il rover giapponese per l’esplorazione della Luna

JAXA e Toyota hanno annunciato l'accordo per affrontare la sfida dell'espansione spaziale. L'azienda automobilistica produrrà un rover pressurizzato per trasportare gli astronauti sulla Luna.

La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) e Toyota hanno annunciato un accordo strategico per lo studio e la realizzazione di un rover destinato a supportare gli astronauti nell’esplorazione della Luna. È un veicolo pressurizzato, e dovrebbe essere in grado di trasportare due astronauti (quattro nei casi di emergenza) per una distanza di 10.000 chilometri sulla superficie della Luna, usando l’energia solare e la tecnologia delle celle a combustibile di Toyota.

Atterrerà sulla Luna nel 2029, si muoverà su sei ruote, avrà indicativamente le dimensioni di due minibus. All’interno ci saranno 13 metri quadrati di spazio abitabile, in cui gli astronauti potranno cambiarsi le tute spaziali. Il progetto prevede di spedirlo sulla Luna prima dell’arrivo della spedizione umana.

Oltre agli Stati Uniti, alla Cina e agli altri paesi che si stanno muovendo per operare sulla Luna, questa notizia è quindi l’ennesima conferma che anche il Giappone intende mettere piede sulla Luna. E anche il Giappone intende restarci a lungo, dato che nelle note ufficiali si parla dell’obiettivo di raggiungere una prosperità sostenibile per tutta l’umanità, espandendo l’attività umana. Il Giappone ha già dato prova delle sue abilità nello sviluppo di attrezzature per l’esplorazione spaziale, basti pensare alla missione Hayabusa2 sull’asteroide Ryugu. Per la Luna però essenziale l’impiego di rover pressurizzati.

Il Vice Presidente di JAXA spiega che “la gravità lunare è un sesto di quella sulla Terra. La Luna ha un terreno complesso con crateri, dirupi e colline. Inoltre, è esposta a radiazioni e condizioni di temperatura molto più rigide di quelle sulla Terra. Per un’ampia esplorazione umana è necessario un rover pressurizzato che possa percorrere più di 10.000 km in tali ambienti. Il concetto di ‘mobilità spaziale’ di Toyota risponde a questi requisiti. Toyota e JAXA stanno studiando congiuntamente il concept di un rover con equipaggio dal maggio 2018. Abbiamo identificato i problemi tecnologici che devono essere risolti”.

Il presidente di JAXA, Hiroshi Yamakawa, ha commentato l’accordo con Toyota spiegando che “stiamo portando avanti il ​​coordinamento internazionale e gli studi tecnologici per la partecipazione del Giappone all’esplorazione spaziale internazionale. Miriamo a contribuire attraverso le principali tecnologie giapponesi che possono potenzialmente generare vantaggi. La presenza di Toyota nella sfida dell’esplorazione spaziale internazionale rafforza notevolmente la nostra fiducia. I rover equipaggiati con cabine pressurizzate sono un elemento che svolgerà un ruolo importante nell’esplorazione e nello sfruttamento della superficie lunare”.

Se lo Spazio vi piace procuratevi una custodia a tema per il vostro smartphone