Ibride e Elettriche

FlixBus, primo autobus a biogas per ridurre le emissioni di CO2

La nota società tedesca di autobus extra-urbani FlixBus ha annunciato nelle scorse ore di aver introdotto nella propria flotta il suo primo veicolo dedicato al trasporto per lunghe percorrenze alimentato a biogas, grazie alla collaborazione con il costruttore di veicoli industriali Scania e il fornitore di gas Gasum.

Secondo quanto diffuso, l’autobus alimentato a biogas sarà operativo sulla rotta Stoccolma-Oslo con l’obiettivo di ridurre drasticamente le emissioni di CO2 causate dai trasporti. Flixbus ha nel corso degli ultimi anni testato i primi autobus completamente elettrici in Paesi come Germania, Francia e Stati Uniti, ufficializzando l’accordo con Freudenberg per realizzare il primo autobus a idrogeno e sperimentare l’installazione di pannelli solari sulla rotta Londra-Dortmund, con un risparmio del carburante pari al 7%.

Non possiamo però che ribadire i vantaggi dell’utilizzo del biogas liquido, rinnovabile e  fossil free:

Passando al biogas liquido prodotto localmente come carburante per veicoli industriali e trasporto passeggeri a lunga percorrenza, gli operatori riducono l’impatto sul clima, sia proprio che dei loro clienti, di oltre il 90%. La qualità dell’aria migliora anche grazie alla riduzione delle emissioni di particelle e ossidi di azoto (NOx), inoltre i veicoli sono più silenziosi, un vantaggio sia i conducenti che per i passeggeri e in generale per l’ambiente.

Tuttavia, il biogas viene attualmente utilizzato in forma compressa soprattutto per autobus urbani, automobili o veicoli per il trasporto leggero, rimanendo però poco competitivo per i veicoli pesanti a lunga percorrenza. La novità degli ultimi anni riguarda lo sviluppo di una tecnologia per raffreddare il biogas a circa -160 gradi Celsius, cosi da diventare liquido e conseguentemente più denso di energia. Un risultato dunque che potrebbe rivoluzionare i trasporti grazie all’utilizzo di questo gas per il trasporto pesante, sia via terra che via mare. Nei prossimi anni, infatti, la disponibilità di biogas vedrà un forte aumento in tutta Europa grazie alla decisione dell’Unione europea di creare punti di rifornimento lungo le principali reti stradali europee.

Il biogas non è solo il carburante con le emissioni di CO2 più basse, ma risolve anche i problemi dei rifiuti locali, crea posti di lavoro e riporta carbonio e sostanze nutritive al suolo. È il coltellino svizzero dell’economia circolare. Il biogas sarà uno degli strumenti chiave per la decarbonizzazione del trasporto pesante, in particolare per le operazioni a lunga distanza come l’interurbano e il lungo raggio. Metà della flotta europea dei veicoli pesanti a gas potrebbe essere alimentata a biogas entro il 2025, ha commentato Jonas Strömberg, Sustainability Director di Scania.