Auto

Il nuovo motore a idrogeno di JCB promette zero emissioni a basso costo

JCB, un’azienda specializzata nella realizzazione di macchinari pesanti per l’edilizia e l’agricoltura, ha annunciato di aver messo a punto un motore a combustione interna alimentato a idrogeno che non emette CO2, una soluzione che potrebbe aiutare l’industria dei trasporti a raggiungere l’obiettivo delle zero emissioni molto prima delle soluzioni esistenti ad oggi sul mercato.

Il nuovo motore messo a punto da JCB nasce dal motore a 4 cilindri del Dieselmax 448, ma ovviamente è stato pesantemente modificato per essere alimentato a idrogeno. A differenza delle soluzioni a idrogeno con cellula di carburante, la realizzazione di questo motore dovrebbe essere sufficientemente economica e realizzabile con i macchinari industriali già in uso.

JCB ha testato il suo nuovo motore su diversi escavatori – mezzi che notoriamente affaticano i motori molto più di quanto possa fare una normale automobile o persino un camion – ed è convinta che i risultati ottenuti siano facilmente applicabili ad un’ampia gamma di veicoli.

“Non pensiamo più al diesel, quella nave è salpata. L’obiettivo dev’essere le zero emissioni, ma noi pensiamo che l’elettrico e le cellule di carburante non siano le uniche soluzioni praticabili” ha detto Lord Anthony Bamford, a capo di JCB.

Il vantaggio principale che offre questo motore è la facilità con cui si può avviare una produzione, perché le conoscenze tecniche relative ai motori a combustione interna sono facilmente trasferibili: ciò permetterebbe anche di utilizzare gli attuali macchinari di produzione, andando a ridurre sensibilmente i costi.

Le misurazioni al tubo di scarico parlano chiaro: i livelli di NOx sono inferiori a quelli di qualunque diesel, anche i più moderni, mentre la CO2 è completamente assente; l’unica emissione significativa di questo motore avviene durante l’accensione, quando emette una piccola nuvola di vapore.

L’obiettivo di JCB è di raffinare ulteriormente questa tecnologia per poi andare in produzione il prima possibile.