Ibride e Elettriche

Lisbona, la capitale portoghese avrà a breve una flotta di traghetti elettrici ABB

L’elettrificazione dei trasporti è in costante crescita, compresa quello delle vie navigabili interne. È la volta del Portogallo che per l’attraversamento del fiume Tago ha deciso di puntare sulle zero emissioni di CO2. La capitale portoghese vedrà infatti a partire dai prossimi anni la presenza di dieci traghetti elettrici marchiati ABB.

Non a caso, il settore dei trasporti punta a ottenere una riduzione delle emissioni di gas serra grazie all’ottimizzazione del sistema di trasporto pubblico che sta pian piano avviando un processo di transizione, con la conseguente sostituzione degli attuali mezzi di trasporto a combustibili fossili con flotte completamente elettriche.

Ben 40 metri su cui ciascun traghetto trasporterà fino a 540 passeggeri su tre importanti rotte che collegano Lisbona a Cacilhas, Seixal e Montijo, ad una velocità di servizio di 16 nodi e una velocità massima di 17 nodi.

La riduzione delle emissioni di gas serra è una priorità assoluta nella pianificazione urbana. Oggi, le tecnologie scelte per i traghetti veloci che operano così vicino al cuore della città devono essere pulite ed ecologiche, oltre che comprovate in termini di sicurezza e affidabilità. ABB è stata selezionata sia per motivi di efficienza energetica che per la sua vasta esperienza nella fornitura di soluzioni di propulsione completamente elettriche e ibride per il mercato dei traghetti, ha dichiarato il Direttore della Divisione GRP.

Lisbona vedrà dunque realizzare un progetto gestito da ABB, società tecnologica leader a livello globale, in partnership con il cantiere navale spagnolo Astilleros Gondan. Sarà proprio ABB ad occuparsi della fornitura di propulsori e apposite stazioni di ricarica per le batterie, congiuntamente a soluzioni fondamentali e utili per una completa gestione del servizio. Il cantiere navale si occuperà invece della costruzione delle imbarcazioni. Con l’entrata in servizio dei traghetti, prevista per il 2022/2024, l’azienda svizzera prevede un risparmio pari a 6.500
tonnellate di CO2 all’anno. Non dimentichiamo che l’International Maritime Organization sta lavorando per ridurre l’impatto delle imbarcazioni con l’obiettivo di giungere al 2050 con un taglio del 50% sulle emissioni rispetto al 2008.

Questo progetto è un’altra importante pietra miliare per questo settore e per la propulsione a emissioni zero, dimostrando che oggi è disponibile una tecnologia collaudata per soddisfare le esigenze future nel trasporto sostenibile di traghetti passeggeri veloci, ha dichiarato Juha Koskela, presidente della divisione, ABB Marine & Ports.

Nel dettaglio, i dieci traghetti saranno alimentati da pacchi batteria con una capacità complessiva pari a 1.860 kWh ciascuno. L’energia sarà inoltre fornita ai motori grazie al sistema di distribuzione Onboard DC Grid.

Il set LEGO Technic catamarano e barca a vela 2 in 1 è disponibile su Amazon.