Trasporti

MALE RPAS, ecco il super drone militare europeo

Il primo mock-up a grandezza naturale del drone militare europeo MALE RPAS è stato ufficialmente svelato al pubblico durante la fiera aerospaziale Berlin ILA. Si tratta di un progetto di velivolo "Medium Altitude Long Endurance / Remotely Piloted Air System", ovvero a pilotaggio remoto per operazioni a quote intermedie e a lungo raggio.

Il suo nome però non è stato ancora definito; MALE è solo una classe di velivoli a cui appartengono ad esempio il General Atomics MQ-1 Predator e il Piaggio-Selex P.1HH Hammerhead.

male
MALE

Il progetto MALE vede il coinvolgimento della filiale tedesco-spagnola di Airbus Defense and Space, la francese Dassault Aviation e l'italiana Leonardo. Rappresenta di fatto un'evoluzione dello sfortunato EuroHawk e a distanza di quasi due anni dai primi studi di definizione punta all'operatività nel 2025.

male

"Sebbene ci attenda ancora molto lavoro, questo modello a grandezza naturale rappresenta un primo traguardo di quello che l'Europa può raggiungere in un settore ad alta tecnologia se riesce ad unire la propria forza industriale e il proprio know-how", ha dichiarato Dirk Hoke, Amministratore Delegato di Airbus Defence and Space, pochi giorni fa in sede di presentazione stampa. "Il MALE RPAS diverrà parte integrante della capacità dell'Europa di garantire la propria indipendenza in futuro. Il programma è pensato per soddisfare urgenti requisiti in termini di capacità da parte delle Forze Armate europee. Questa partnership innovativa attenua anche gli effetti generati dalle restrizioni di bilancio attraverso la combinazione efficace dei fondi per ricerca e sviluppo".

male 1

"I sistemi aerei senza pilota e le loro applicazioni rappresentano uno degli elementi tecnologici fondamentali per la futura evoluzione dell'industria europea della difesa", ha aggiunto Lucio Valerio Cioffi, Responsabile della Divisione Velivoli di Leonardo. "Il MALE RPAS europeo punta a promuovere lo sviluppo di alte tecnologie e contribuirà a sostenere competenze chiave e posti di lavoro in Europa, fornendo alle Forze Armate prestazioni avanzate e un sistema operativo indipendente".

Leggi anche: MALE RPAS, il primo drone militare europeo nel 2025

Una delle qualità principali del velivolo sarà quella di poter volare in spazi aerei non segregati per attività di intelligence, sorveglianza e ricognizione, sia in aree estese sia in teatri operativi. Nel 2017 venne deciso di impiegare un sistema propulsivo bi-turboelica che dovrebbe consentire una velocità di 200 kts (370 km/h). Si parla inoltre di un'altitudine operativa di 45.000 piedi. L'apertura alare è di 26,6 metri, la lunghezza è di 14 metri, mentre il peso massimo al decollo sarà di 5.300 kg – con un carico massimo di 1.400 kg.

europe male rpas

Ovviamente potrà essere configurato a seconda delle esigenze, e quindi in base ai committenti anche armato. Da ricordare che i droni militari italiani non sono configurati per procedere con attacchi al suolo.

Leggi anche: Predator italiani. Viaggio nella base di Amendola, dove osano le Streghe

"Nel gennaio 2018 il MALE RPAS ha superato con successo il System Requirements Review – SRR (Revisione dei Requisiti di Sistema), che ha avviato la seconda fase dello studio di definizione per arrivare ad una System Preliminary Design Review – SyPDR (Revisione di Progettazione Preliminare di Sistema), prevista per la fine di quest'anno", si legge nella nota ufficiale di Leonardo.