Auto

Maserati si affida a Bosch per la Ghibli Hybrid

Tutti i marchi del gruppo FCA stanno lavorando duramente per rinnovare l’offerta e arricchirla di motorizzazioni elettrificate – come fatto da Fiat con la nuova 500e o da Jeep con le versioni 4Xe di Compass e Renegade – e un marchio importante come Maserati non poteva certo restare indietro.

Maserati ha scelto di collaborare con Bosch nella realizzazione della nuova Ghibli Hybrid; si tratta della prima sportiva ibrida prodotta dal Maserati, e sarà dotata di un sistema Mild Hybrid a 48V realizzato proprio con la componentistica e le tecnologie fornite da Bosch. La batteria installata è di dimensioni ridotte, appena 10cm di spessore e 13 kW di potenza complessiva.

Il sistema progettato da Maserati comprende una batteria agli ioni di litio da 48V, un converter DC/DC e una centralina elettronica ECU. Il tutto sarà abbinato a un motore a 4 cilindri in linea da poco meno di 2000cc, una scelta apparentemente strana ma che si spiega molto facilmente: in primo luogo, un motore più piccolo garantisce consumi ed emissioni ridotte – mentre il gap prestazionale è coperto dal motore elettrico, così da mantenere giustamente l’anima sportiva – e in secondo luogo si tratta di una scelta burocratica. La Cina infatti è un mercato importantissimo per Maserati, e proprio in Cina al momento sono attive diverse agevolazioni sull’acquisto di auto con motori a 4 cilindri, per cui il motore scelto è stato pensato per essere facilmente vendibile anche in Cina.

Lato emissioni, il piccolo motore a 4 cilindri con sistema ibrido a 48V emette il 25% in meno di CO2 rispetto al V6 benzina da 350 cavalli, pur mantenendo una cavalleria di tutto rispetto, pari a 330 cavalli.

I componenti dedicati al sistema ibrido pesano circa 15 kg, ma la riduzione di dimensione del motore, passato da 6 a 4 cilindri, permette di avere un peso complessivo di 80kg in meno rispetto alle Ghibli con motore termico classico.

Grazie alle tecnologie fornite da Bosch, la nuova Maserati Ghibli Hybrid potrà anche offrire un sistema di guida autonoma di livello 2, chiamato Active Driving Assist.