Auto

Nuova Opel Astra, l’elettrica nel 2023 ora termica e ibrida

Tutti gli amanti della storica berlina tedesca hanno sicuramente percepito un brivido lungo la spina dorsale appena hanno visto le linee “minimal tech” della nuova Opel Astra. Le principali novità? I classici motori benzina e diesel vengono affiancati dal primo vero plug-in hybrid del famoso marchio, ma con una grande attesa per la versione 100% elettrica Plug-in, che ci farà aspettare ancora qualche mese, approssimativamente fino agli inizi del 2023.

Questa berlina appartenente al segmento C unisce in un connubio perfetto le linee classiche ereditate da 30 anni di Opel Astra (vantando più di 15 milioni di mezzi venduti) con tutta l’innovazione tecnologica odierna. Per i fortunati futuri acquirenti che apriranno il cofano di Opel Astra si dipanano numerose motorizzazioni disponibili: i classici benzina e diesel vengono appaiati dai più moderni propulsori ibrido Plug-in ed elettrico Plug-In.

Entrando nello specifico, il motore ibrido Plug-In promette emozioni irripetibili grazie all’accoppiata grintosa del motore benzina 4 cilindri da 1.6,  al propulsore elettrico che supporta l’endotermico con altri 110Cv aggiuntivi.
L’unità elettrica è nutrita da una modesta batteria da 12,4Kw/h, giusta per assicurare un equilibrio perfetto tra percorrenza in elettrico (circa 60Km) e un peso limitato degli accumulatori, il tutto assicura i 100Km percorsi con appena 1,3l di carburante bruciato.

La soluzione Ibrida viene fornita in 2 configurazioni:

  • 180Cv di puro piacere, cambio automatico ad 8 rapporti, trazione anteriore con  360 Nm di coppia. A pedale spianato il mezzo raggiunge una velocità massima di 225 Km/h, con un 0-100 in 7,9 secondi: ideale per chi il manto stradale ama viverlo davvero;
  • 250Cv pronti per strappare l’asfalto, cambio automatico ad 8 rapporti, trazione anteriore, 360 Nm di coppia. L’aerodinamica pone comunque i suoi limiti: 235 Km/h di velocità massima, con un 0-100 in 7,7 secondi.

I puristi sapranno apprezzare anche le motorizzazioni benzina e diesel, disponibili in 3 configurazioni distinte :

  • 110Cv per la versione entry-level, scaturiti da 3 cilindri turbo da 1,2L benzina, cambio manuale a 6 rapporti, trazione anteriore con una coppia di 230Nm. Senza il supporto dell’elettrico, il veicolo percorre mediamente 100Km con ben 5,5l.
  • 130Cv per la versione leggermente più grintosa, cambio automatico a 8 rapporti, trazione anteriore, 230Nm di coppia. La percorrenza peggiora leggermente: 5,6l per 100Km.
  • 130Cv per la versione diesel, cambio automatico a 8 rapporti oppure manuale a 6 rapporti, trazione anteriore con una coppia di 300Nm, 4,6l/100Km.

La carrozzeria non dà spazio a fraintendimenti: le classiche linee Astra del passato riecheggiano sulle curve morbide e poco accentuate della calandra e del tettuccio, molto simili a quelle della Opel Mokka, vanno ad irrigidirsi in coda, con un taglio leggermente arrotondato sopra al lunotto, e sui fianchi.
Le curve si chiudono quindi con una configurazione dei fanali sia anteriori che posteriori in stile “Pixel Like”, dando un tocco quasi futuristico ad un veicolo dalle dimensioni discrete: una lunghezza di 4.3 metri e una larghezza di 1.8 rendono il veicolo leggermente più grosso rispetto alla sua generazione precedente.

Entrando nel veicolo possiamo godere subito di un abitacolo pulito e curato nei minimi dettagli, senza tralasciare il confort alla guida. I sedili in pelle sono rigorosamente certificati AGR, con possibilità di ventilazione e riscaldamento interni sia per le sedute anteriori che per quelle posteriori.
La plancia, full digital, è composta da due display LED da 10 pollici che gestiscono strumentazione di bordo e infotainment, azionabile anche tramite controllo vocale avanzato.
Immancabili il sistema ADAS (Advanced driver-assistance systems), supportato da una serie di sensori radar e telecamere a 360° (Intelli-Vision system) e un HUD interno per completare le dotazioni tecnologiche di un veicolo degno del suo segmento.

La nuova Opel Astra sarà disponibile in ordinazione già dall’autunno 2021 (disponibile in versione berlina e station wagon Sports Tourer) con consegna prevista per il primo trimestre 2022 per le motorizzazioni benzina, diesel e ibrido Plug-in. L’attesa sarà più lunga per la tanto agognata Astra-e: per l’elettrico bisognerà attendere fino al 2023.
Il prezzo per la versione entry-level (110Cv, 3 cilindri benzina 1,2l, cambio manuale) sarà di 24.500€, chiavi (quasi) in mano.