Auto

Prova, Hyundai i10: con il GPL si consuma poco e ci si diverte

L’utilitaria i10 di Hyundai conferma di avere tutte le carte in regola per essere un riferimento per il suo segmento di appartenenza. Prima di tutto, ha una valida gamma motori, che oltre a soluzioni benzina propone anche una valida doppia alimentazione a GPL. Proprio questa versione è stata oggetto di un’accurata prova su strada, durata oltre mille chilometri e che ha permesso di valutare con attenzione le caratteristiche e le qualità della vettura.

Federicovecchio.com

L’aspetto di Hyundai i10 è sicuramente riuscito: mostra stile e personalità, ha un frontale particolarmente grintoso e accattivante e anche il posteriore riesce a esprimere personalità. Si nota l’avanzamento del corso stilistico che il costruttore coreano ha ormai intrapreso da diverso tempo. La dotazione tecnologica è di ultima generazione, e i gruppi ottici possono essere con tecnologia a LED, un equipaggiamento piuttosto raro per un’utilitaria. Il sistema di intrattenimento di bordo può essere su schermo da 10,25″.

Federicovecchio.com

Su queste dimensioni, le grafiche sono davvero accattivanti e la disposizione delle icone è intuitiva e pratica. Lo schermo touch risponde con precisione agli stimoli del conducente ed è ricco di utili funzioni. Connesso alla rete, fornisce in tempo reale le informazioni sul traffico, rendendo la navigazione più efficiente ed efficace. Non manca ovviamente la compatibilità con Apple Car Play e Android Auto. L’organizzazione dello spazio interno è razionale, le plastiche utilizzate sono tutte rigide ma la qualità è buona e i rivestimenti dei sedili, a esempio, non deludono e si dimostrano davvero molto comodi e ben realizzati.

Federicovecchio.com
Federicovecchio.com

Per quanto riguarda il motore, Hyundai ha deciso di equipaggiare la i10 con un 1.0 litri tre cilindri da soli 65 Cv. Non molti, e su strada lo si nota quando è richiesta potenza: l’auto è molto sobria sia ai bassi sia agli alti regimi e si nota la tendenza a privilegiare una guida turistica e molto rilassata. Sicuramente è la destinazione di utilizzo principale del veicolo, ma qualche Cv in più avrebbe forse contribuito a migliorare il coinvolgimento di guida. Detto ciò, la struttura di i10 è molto raffinata: il telaio è solido e l’auto si guida con piacere. In città è disinvolta e molto agile, lo sterzo è leggero e supporta le manovre avvengono con buona precisione.

Federicovecchio.com

La guida è rialzata e la percezione degli ingombri ottima. Il cambio manuale a cinque marce è ben riuscito e convincente in innesti e scalate, si utilizza con semplicità ed è supportato da una frizione morbida e ben bilanciata. La guida di Hyundai i10 è intuitiva e semplice, confermando la vocazione di vettura utilitaria ideale per spostamenti quotidiani. Certo, la capacità del bagagliaio è minima e dietro quattro adulti hanno spazio per le ginocchia poco più che sufficiente, ma nel complesso la struttura sorprende e appaga. Diverte, perché l’agilità e il peso contenuto riescono a creare una buona connessione con il conducente. Per sfruttare al meglio le sua capacità, Hyundai rende disponibile a listino la versione i10 N Line con motore da 100 Cv.

Federicovecchio.com

Per quanto riguarda i consumi, Hyundai i10 con doppia alimentazione a GPL percorre in media 17 km/l con punte di 20 a 110 km/h e un minimo di 14 km/l a velocità autostradali. La media è comunque molto buona e con entrambi i serbatoio pieni si può tranquillamente viaggiare per circa 600 km. Il listino della versione GPL di Hyundai parte da un prezzo di 14.900 euro.

Hyundai i10 GPL

In linea generale, Hyundai i10 GPL è un'ottima soluzione per chi è alla ricerca di una city-car compatta con ottimi consumi e una buona dinamica di guida. Interessante l'infotainment compatibile con Android Auto e Apple Car Play. Sottotono invece il baule e la potenza del motore, quest'ultimo aspetto è tuttavia ampiamente giustificabile dalla tipologia di vettura.

Pro

  • Buona dinamica di guida
  • Integrazione tecnologica completa
  • Buoni consumi

Contro

  • Poca riserva di potenza
  • Capacità del bagagliaio è minima