Tom's Hardware Italia
Manager

Attenti ad Equitalia, gli hacker ci provano con le cartelle

I G DATA SecurityLabs mettono in guardia da e-mail con cartelle Equitalia inviatici apparentemente per errore. La curiosità può costare cara

Attenzione all'ondata di e-mail contenenti apparenti fatture scadute o cartelle equitalia! Con l'avvicinarsi della fine dell'anno i cybercriminali prendono di mira indistintamente privati e aziende utilizzando messaggi e-mail apparentemente legittimi per attirarli nella loro trappola.

La loro strategia consiste nell'inviare primariamente e-mail con allegati in formato .doc o .pdf, che paiono scansioni da stampanti multifunzione. I G DATA SecurityLabs hanno rilevato che la maggior parte degli allegati contiene un pericoloso trojan bancario appartenente alla famiglia Dridex, che si installa sul PC della vittima all'apertura del documento fasullo.

G DATA
Non lasciatevi cogliere dalla curiosità, e dal timore per Equitalia

E' noto che la fine dell'anno è periodo di "caccia grossa allo sprovveduto" per i cybercriminali, che fanno leva sul fattore umano per attirare le potenziali vittime nelle proprie trappole.  Ecco perché prima di aprire messaggi e allegati di dubbia natura, G DATA suggerisce di porsi le seguenti domande:

  • Avete effettuato qualche ordine e siete in attesa di una fattura da questo particolare mittente? Se la presunta fattura proviene da un fornitore noto: avete autorizzato l'invio di fatture per email? In caso affermativo, qualora si tratti di una comunicazione apparentemente proveniente da operatori telefonici o dal vostro fornitore di energia elettrica, con che cadenza ricevete le fatture di solito?
  • L'e-mail è scritta in una lingua sensata per voi e la vostra situazione? Un operatore o sito italiano vi invierà molto probabilmente fatture in italiano e non in inglese, e con molta probabilità i messaggi saranno scevri da grossolani refusi.
  • L'e-mail (non l'allegato) con la fattura o cartella scaduta contiene informazioni personali corrette e note solo a voi e al fornitore (p.es. il vostro codice fiscale o il codice cliente)?
  • In relazione alle scansioni di presunti documenti aziendali: la vostra azienda possiede stampanti multifunzione in grado di scansire e salvare documenti in formato .doc?
  • Se siete sicuri che il documento non sia per voi, resistete alla tentazione di aprirlo: la curiosità generata dal potenziale accesso ad informazioni relative a terzi "noti" (il social engineering è capace di questo ed altro) è proprio ciò su cui contano i cybercriminali. Non è infatti raro ricevere in questo periodo presunte buste paga, intestate ad un collega e recapitate a voi "per errore".

Fortunatamente, laddove il fattore umano ci porta ad errare, esistono soluzioni di sicurezza in grado di riconoscere in tempo reale applicazioni manipolate o tentativi di dirottamento delle transazioni finanziarie, come i prodotti G DATA, evidenzia la società, con doppio motore antimalware e la tecnologia BankGuard.