IT Pro

Fusion Connect parte integrante di Autodesk Cloud-Connected

I produttori stanno affrontando cambiamenti dirompenti sia tecnologici che di settore. E la concorrenza incombe. Le start-up che utilizzano il crowdfunding possono progettare prototipi di un nuovo prodotto stampandoli in 3D, perfezionarli sulla base dei dati raccolti in tempo reale e esternalizzare la produzione in tempi record.

“Il futuro del fare le cose” – Future of Making Things – si sta avvicinando e i progettisti  devono innovarsi o rischiano si essere surclassati dalla concorrenza.

In questo scenario e per aiutare le aziende ad adattarsi a questa situazione di cambiamento, Autodesk ha lanciato la propria PIP (product innovation platform) Fusion, che integra le fasi del ciclo di sviluppo del prodotto in un’unica piattaforma.

Autodesk   Fusion Connect
Fusion Connect

Fusion 360 è alla base della piattaforma cloud e si propone di porre a disposizione dei progettisti gli strumenti per la modellazione parametrica e diretta, ingegneria meccanica, disegno, visualizzazione, simulazione, lavorazione e additive manufacturing, il tutto disponibile in unico luogo e on-demand da qualsiasi dispositivo tramite una sottoscrizione a partire da  25 dollari al mese (gratuito per studenti e  startup). 

PLM (product lifecycle management), IIoT (Industrial Internet of Things) e gestione dei dati sono anch’essi fondamentali, evidenzia l'azienda, in questa nuova era  di sviluppo del prodotto.

Per integrare al meglio tutti questi elementi Autodesk ha anche incluso Fusion Lifecycle e Fusion Connect nella piattaforma PIP. Peraltro, Fusion Lifecycle è il nuovo nome del software PLM 360 basato su cloud di Autodesk che è volto a rendere più efficiente il processo di sviluppo del prodotto.

Fusion Connect è invece il nuovo nome di SeeControl, il software IoT acquisito da Autodesk nel 2015e  finalizzato alla creazione di prodotti e servizi connessi e intelligenti.

Il processo tradizionale di sviluppo di un prodotto, oltre ad essere lento, necessita di diversi strumenti software disconnessi e molto costosi. Per far fronte a queste problematiche, Autodesk ha creato un’unica piattaforma affidabile e in grado di supportare l’intero processo di sviluppo del prodotto, non solo la progettazione e la produzione ma anche il periodo post-vendita di monitoraggio e servizi innovativi basati su sensori”, ha commentato Stephen Hooper, senior director for manufacturing industry strategy di Autodesk.    

Fusion riunisce l’intero processo di sviluppo in un’unica piattaforma. Insieme, Fusion 360, Fusion Lifecycle e Fusion Connect danno vita a una piattaforma PIP ideata per le nuove metodologie in cui vengono progettati, realizzati e utilizzati i prodotti.