IT Pro

Hitachi trasforma i dati in valore

Pagina 1: Hitachi trasforma i dati in valore

I dati strutturati e non strutturati possono essere utilizzati per migliorare la produttività e il business. Quattro sono gli elementi che secondo Hitachi  devono caratterizzare una piattaforma peri big data: volume, velocità, varietà e valore. Solo il loro corretto bilanciamento permette alle applicazioni di analisi di fornire rapidamente i dati necessari a pianificare le proprie attività, valutare e ottimizzare piani di business, svolgere analisi previsionali e, in definitiva, prendere decisioni basate su fatti concreti.

La strategia di Hitachi Data Systems per i big data è stata volta quindi, dopo aver reso disponibili piattaforme ad hoc per le grandi aziende, a sviluppare soluzioni per i Big Data adatte alle esigenze delle PMI e per permettere anche a loro di ottenerne i benefici, soluzioni che permettono di operare inizialmente su piccola scala e di ricercare all'interno dell'azienda possibili casi in grado di dare un ritorno immediato, come ad esempio nell'ambito dell'ottimizzazione dei processi esistenti.

Nelle soluzioni Hitachi la scalabilità si evidenzia come un elemento caratterizzante e ad esempio nella Hitachi Unified Storage (HUS) può arrivare a una capacità dell’ordine dei Peta Byte, un valore che per una azienda di medie dimensioni è in grado di far fronte a qualsiasi esigenza in termine di dati.

Tramite HUS è possibile beneficiare delle analisi dei Big Data, il cui vantaggio è correlato alle capacità di business analytics e alla loro trasformazione da valore potenziale in valore reale.

Un altro elemento saliente delle soluzioni Hitachi per i big data è anche la possibilità di integrazione dei diversi tipi di dati, ad esempio quelli generati da dispositivi mobili o da sensori distribuiti.

Naturalmente ciò richiede una forte capacità di storage e contemporaneamente di gestione, di analisi ed elaborativa, e questo è proprio quello che Hitachi ha voluto assicurare con soluzioni come la Unified Content Platform (UCP), adatta per medie aziende, o la sofisticata Virtual Storage Platform (VSP), che dà la possibilità di crescere sino a oltre 240 PB a basso costo, dispone di spinte caratteristiche in termine di velocità ed è particolarmente adatta per ambienti di grosse dimensioni, come quelli tipici di un operatore telefonico o una grande banca che deve mantenere enormi moli di dati per un arco di tempo di decenni.