IT Pro

Software Defined Storage: perché.

Pagina 1: Software Defined Storage: perché.

È già qualche anno che si pone l'accento sulla notevole crescita nella richiesta di capacità e prestazioni che le imprese stanno sperimentando in termini di storage. Una tendenza che non accenna a diminuire, supportata da un modello di azienda sempre più "data driven".

Se questo è vero, è peraltro altrettanto vero, spiegano in un recente white paper gli analisti di Enterprise Strategy Group, che le imprese sono vicine a un punto di rottura, perché gestire questa crescita con lo storage tradizionale sta diventando impossibile. Impossibile in quanto inefficace a supportare le esigenze determinate da nuove applicazioni emergenti in ambiti quali big data/analytics, mobility e social media integration.

L'IT supporta il business aziendale da sempre, ma oggi, con una società sempre più "digitale", l'IT ha la possibilità di diventare protagonista, giocando un ruolo chiave non solo nel customer relationship management (CRM), ma in un numero sempre maggiori di processi.

I budget allocati per lo storage continuano a crescere nonostante il progresso della tecnologia
La spesa per lo storage continua a crescere nonostante il progresso tecnologico

L'interazione con i clienti, infatti, avviene anche per le vendite di beni e servizi: non si tratta solo di e-commerce, ma di nuove modalità di business: basti pensare alla possibilità di sottoscrivere un contratto con una società energetica online, prenotare viaggi e quant'altro.

Per supportare la "rivoluzione digitale" delle imprese, l'IT deve rinnovare le proprie infrastrutture, in modo da acquisire agilità e rapidità nelle risposte da fornire al business.

Purtroppo, gli a non crescere sono i budget a disposizione per questi rinnovamenti. Ben vengano, dunque, tecnologie che consentano di ottenere risparmi immediati, con cui finanziare l'innovazione.

Continuare ad aggiungere storage non permette di scalare linearmente in proporzione alle esigenze e accresce costi e complessità. In particolare, l'aspetto peggiore riguarda la gestone manuale dello storage tradizionale, che porta al collasso amministrativo.

Questo nonostante le capacità dei nuovi sistemi storage stiano aumentando a parità di spazio occupato e stiano diminuendo in termini di costo per byte memorizzato. Benefici che, secondo ESG, non arrivano alle imprese.