Cinema e Serie TV

I Cavalieri di Castelcorvo: recensione della nuova serie TV italiana su Disney+

I Cavalieri di Castelcorvo è la nuova serie tv italiana disponibile su Disney+ a partire dal 6 Novembre 2020. Lo show è prodotto da Stand By Me, società romana, e vede alla regia Riccardo Antonaroli e Alessandro Celli. Nel cast compaiono i giovanissimi Fabio Bizzarro, Lucrezia Santi, Mario Luciani e Margherita Rebeggiani che vesto i panni, rispettivamente, di Riccardo, Giulia, Matteo e Betta, i cavalieri di Castelcorvo. 

Abbiamo avuto il piacere di guardare i primi episodi della serie teen tutta italiana che ci ha sorpreso, divertito e riportato un po’ indietro nel tempo. il serial, infatti, piacevole e godibile, risente molto di quelle atmosfere proprie degli show anni Novanta ma conduce la narrazione su un piano molto diverso e, soprattutto, molto più elaborato, lasciando lo spettatore, soprattutto giovane, entusiasta.

La storia de I Cavalieri di Castelcorvo

La storia della serie TV I Cavalieri di Castelcorvo ci porta nelle vite dei due fratelli Riccardo e Giulia che, dalla città, si trasferiscono in provincia. Già questo, per due ragazzi in età pre-adolescenziale, è un vero e proprio trauma, poiché vivono la separazione dalle consuetudini e dalle abitudini di sempre. Il destino vuole, però, che i due fratelli incontrino subito Matteo e Betta e instaurino con loro un rapporto di profonda amicizia, facilmente, così come solo i più giovani riescono a fare, lontani dai pregiudizi e dalle convenzioni sociali. 

Baby Serie Tv

L’amicizia tra i quattro protagonisti della serie diviene sempre più forte grazie a una serie di avventure. I ragazzi, infatti, scopriranno che Castelcorvo, il borgo medievale arroccato su una collina, nasconde misteri fatti di magia e sovrannaturale. Gli amici dovranno anche fare i conti con indovinelli e matasse da sbrigliare, perché in questo paese di provincia nulla è davvero come sembra, anzi. Ci attendono davvero interessanti colpi di scena, uno dopo l’altro.

I Cavalieri di Castelcorvo, inoltre, oltre a incarnare i valori di amicizia e lealtà, mostrano e diversificano la psicologia dei giovanissimi di oggi. L’età dei protagonisti va dagli undici ai tredici anni e ciò mostra anche un diverso modo di approcciarsi ai misteri che via via, nella narrazione, diventeranno sempre più fitti e imbrigliati. Matteo e Betta sono, in qualche modo, i “grandi del gruppo”, coloro che conducono Riccardo e Giulia verso la conoscenza dei segreti più minacciosi di Castelcorvo. I due fratelli appena arrivati, invece, all’inizio sembrano prendere tutto come un gioco, per poi accorgersi che sotto l’alone di fitto mistero e avventura, si nasconde, invece, una verità difficile da digerire.

Baby Serie Tv

Il gruppo, forte dell’unione e dell’amicizia che li lega, riuscirà a svelare il mistero del borgo e vivere un’avventura senza precedenti.

Un’avventura che racconta l’amicizia

I Cavalieri di Castelcorvo è una grande storia di amicizia che si consolida attraverso le peripezie proprie di un romanzo d’avventura. Ma, tutto quello che i protagonisti vivono durante le puntate della serie è solo un ingrediente dell’amicizia che costruiscono giorno dopo giorno, avventura dopo avventura. Svelando i misteri e scoprendo, poco alla volta, i miti e leggende di un posto dove realtà e magia di fondono, i ragazzi Riccardo, Giulia, Matteo e Betta costruiscono e consolidano la loro amicizia, pronta a valicare anche i confini del tempo.

La storia è sicuramente didascalica e insegna, al pubblico più giovane, come ricercare e costruire un’amicizia vera. In un mondo dominato dalla tecnologia, I Cavalieri di Castelcorvo offrono ai giovani spettatori un’alternativa alla fredda e rigida dinamica dei social network. Proprio perché attraverso l’uso di strumenti, non proprio tecnologici, il contatto umano (qualcosa che manca oggi più che mai ai giovani n.d.r.) si fa sempre più profondo e indispensabile. Il rapporto tra i cavalieri, inoltre, induce tutti e quattro ad acquisire coraggio e determinazione nell’affrontare i problemi. Per questo motivo, come sempre, Disney regala un’ottima opera didascalica che offre agli spettatori diversi momenti di riflessione e crescita personale.

Baby Serie Tv

I Cavalieri di Castelcorvo racconta una storia d’avventura che tutti i ragazzi dotati di una fervida fantasia possono vivere, magari anche attraverso i giochi di ruolo e tutto il comparto ludico che invita all’unione, piuttosto che alla divisione attraverso un algido schermo.

Conclusioni

I Cavalieri di Castelcorvo è un ottimo prodotto, indirizzato a un pubblico di spettatori in età pre adolescenziale, ma anche alle famiglia. Offre moltissimi spunti di riflessione sull’amicizia che andrebbero condivisi dai più piccoli anche con i loro genitori. Disney, ancora una volta, si afferma come una grande major attenta ai valori e ai sentimenti da trasmettere al pubblico giovane e ancora una volta non sbaglia il colpo, regalando una serie TV importante e ben realizzata, almeno sul piano artistico. La parte visiva è un po’ sotto la media degli standard a cui Disney ci ha abituati, ma nel complesso non infastidisce lo spettatore, anche perché, ricordiamolo, il target di riferimento è un pubblico molto giovane.

Baby Serie Tv

A livello tecnico lo show è ben equilibrato, i dialoghi non sono banali e studiati appositamente per un target  specifico. La storia raccontata vale la pena di essere vissuta insieme ai giovani protagonisti che sembrano quasi degli attori navigati. Riescono a trasmettere sentimenti ed emozioni in maniera immediata e diretta. Insomma, la serie non ha nulla da invidiare alle grosse produzioni statunitensi e sarà sicuramente un grande successo tra il pubblico più giovane che saprà riflettere le proprie esperienze nelle avventure dei cavalieri di Castelcorvo.

Se siete alla ricerca di un bel libro da leggere assieme ai vostri figli teenager non possiamo che consigliarvi il capolavoro di Roald Dahl, Il Grande Gigante Gentile che potete acquistare a questo link.