Cinema e Serie TV

Ecco i Muppets, recensione in anteprima dello show su Disney Plus

Tra le novità della piattaforma  Disney Plus di Novembre, è previsto in arrivo anche un nuovissimo contenuto originale. Questa volta la casa del topo più famoso del mondo ci delizia con la prima serie non sceneggiata di The Muppets Studio e la prima serie originale per Disney+. Stiamo parlando di Ecco i Muppets (dal titolo originale: Muppets Now), la prima serie originale di Muppet Studio per Disney+. Nella stagione composta da sei episodi, non sappiamo ancora dirvi cosa vi attende nel corso di ciascuno di questi, ma il solo esordio della serie che abbiamo visionato in anteprima ci ha colpito in maniera positiva. Cos’è successo in questa prima manciata di minuti? Ve lo raccontiamo nella nostra recensione, in attesa del rilascio in Italia previsto per il 6 novembre.

Ecco i Muppets, lo show ironico e schizofrenico

Il mondo digitale e dell’online ha ormai pervaso la nostra quotidianità, e come poteva non entrare a far parte della vita dei Muppets? I più stravaganti pupazzi animati dell’entertainment adesso si videochiamano e sono diventati star virtuali (o virali, che dir si voglia). Traboccando di pura follia spontanea, il primo episodio di poco più di 20 minuti è dunque composto da vari sketch, che ci presentano i vari personaggi protagonisti della serie, i classici volti creati negli anni Cinquanta da Jim Henson, ma non saranno soli.

Rivivi la magia di DISNEY+ e di questo titolo sfogliando il catalogo della piattaforma comodamente con tutta la famiglia grazie all’abbonamento annuale (con 1 mese in omaggio) o mensile .

Se l’episodio è caratterizzato da diversi mini-episodi a sua volta, ciascuno concepito come un programma TV o virtuale, dove a condurlo sono i singoli pupazzi, questi ultimi sono spesso e volentieri accompagnati da sorprendenti guest star, volti perlopiù noti al pubblico americano. Lo ammettiamo, abbiamo a fatica riconosciuto gli ospiti presenti in questo pilotma non per questo la comprensione del contenuto e l’ironia dello stesso sono state inficiate. Dunque, come dicevamo, siamo intrattenuti da una serie di pillole di ilarità, tutte lanciate tra una videochiamata e la schermata di caricamento di un ipotetico computer, in chiave parecchio fresca, colorata e contemporanea.

Foto generiche

Il linguaggio è quello delle trasmissioni contemporanee, seppur sempre scritte aggiungendo l’ingrediente fondamentale della comicità, dell’ironia pungente e del conflitto tra i vari personaggi, tutte sfumature che vanno a comporre un ampio spettro di colori all’interno di un varietà “di una volta”, ma rivisitato e aggiornato per il pubblico diverso (e diversificato) della piattaforma di streaming digitale Disney. Così, il direttore di scena Scooter ora clicca e trascina i file sullo schermo di un computer per far rivivere la magia dello spettacolo attraverso un servizio di streaming, oltre a filtrare e gestire il fiume di messaggi inviati da artisti scontenti.

I pupazzi più scatenati che mai

Ma non è finita qui: deve anche barcamenarsi tra e-mail incomprensibili dello chef svedese, gli appunti dell’immancabile rana verde Kermit (il quale veste non solo il ruolo di produttore, ma fa anche interviste serie in Mup Close and Personal) e gestire l’entusiasmo di Fozzie Bear. Il suo spettacolo di cucina in veste dating Romaine-tic Evenings, è stato davvero concepito come uno spettacolo made in USA.

Ne vediamo letteralmente di tutti i colori, in Ecco i Muppets: gli animali come sempre sono variegati e variopinti, ma ricalcano decisamente comportamenti, e talvolta anche fattezze, di persone reali, come se fossero attori “umani”. I Muppets si scatenano in questo show originale Disney con quel tipo di stupidità sorprendente e di divertimento caotico che li ha resi famosi nell’ultima sessantina d’anni. Dagli esperimenti stravaganti con il dottor Bunsen Honeydew e Beaker ai consigli di vita della favolosa Miss Piggy, l’episodio è ricco di segmenti esilaranti: da una rana photo-bomber, all’improbabile programma di moda Lifesty, fino ai giochi di parole e alle assurdità pronunciate di fronte alla telecamera, che speriamo rimangano gli stessi anche in italiano.

Foto generiche

Ci sono alcuni piccoli dettagli che fanno la differenza tra questa versione e quelle precedenti, a partire dalle mani “umane” e non di pezza dello chef svedese, ora conduttore del format Okey Dokey Kookin con una star sempre diversa. L’unica variante è dettata solo dall’aggiunta realistica, e che di fatto consente di maneggiare il cibo in maniera più precisa e “igienica”, che non delle mani di peluche; il resto è proprio come dovrebbe essere. Anche la scritta “svedese” è stata aggiunta nelle etichette degli ingredienti che appaiono sullo schermo.

Miss Piggy è ora un’influencer, nonché protagonista del suo show patinato Hashtag SendMeMakeUp, dove passa il tempo a farsi fare fotografie, a cui vengono aggiunti appunto degli hashtag per lanciare online i suoi post e contenuti video a tema lifestyle, Il suo guardaroba? Piuttosto appariscente e improbabile, come qualsiasi elemento che graviti nell’universo dei Muppets, oltre a essere supportata dal suo addetto alle pubbliche relazioni, mentre le sue varie performance sono realizzate con Taye Diggs, per la quale ha molto tempo a disposizione, e la sezione moda è gestita con Linda Cardellini, per la quale ha meno tempo a disposizione. Sono nomi che non vi dicono nulla o quasi? Non preoccupatevi, anche per noi: purtroppo, la pecca dello show in questione è proprio questa.

Foto generiche

Una tiepida accoglienza italiana?

Per quanto punti a divertire e intrattenere il pubblico, potrebbe ricevere una tiepida accoglienza da parte del pubblico italiano, in quanto le star finora presentate sullo schermo non sono per nulla famose nella nostra cultura pop. A parte questa pecca, probabilmente il rischio di fallimento verrà messo da parte grazie allo spirito ironico e sempre affascinante dei Muppets, che tornano ancora una volta per un pubblico di adulti, cresciuti con loro, e per bambini alla ricerca di un intrattenimento fresco e semplice (al netto dei giochi di parole forse non così immediati per i più piccini).

Purtroppo non possiamo prevedere come prosegua la serie, avendo visionato soltanto il primo episodio, ma ci auguriamo che riesca a riscaldare i cuori degli spettatori in un autunno sempre più freddo e che si avvicina man mano all’atmosfera natalizia.

Colleziona i Muppets a casa tua con l’intera selezione di pupazzi, e non perderti il singolo esemplare della più amata rana di sempre: Kermit!