Tom's Hardware Italia
Cinema e Serie TV

Episode IX The Rise of Skywalker: la nostra analisi del teaser trailer

Analizziamo il trailer di Star Wars Episode IX per capire quali “segreti” ed anticipazioni vi sono celate.

Nella giornata di ieri Disney ha diffuso il teaser trailer di Star Wars Episode IX The Rise of Skywalker.

Da bravi appassionati della saga quali siamo non abbiamo potuto fare altro che guardarlo più e più volte, cercando di cogliere ogni minimo dettaglio di quei 2 minuti e 3 secondi, con lo scopo di contestualizzare le immagini e fornirvi qualche spunto di riflessione.
Prima di proseguire, mettiamo subito le mani avanti: quelle che state per leggere sono interamente nostre supposizioni, ipotesi e teorie. Solo il futuro e la visione del film ci potrà dire se avevamo ragione  (o torto) nella nostra analisi.

Il teaser comincia con un piano americano di Rey in uno scenario desertico: potrebbe trattarsi di Tatooine, Jakku o Jedha.
L’elemento che salta subito all’occhio è il nuovo costume di Rey. Ad indicare inoltre i progressi della ragazza sul cammino della Forza, abbiamo alcuni elementi caratteristici, come la veste che presenta un cappuccio e il cui colore ricorda quello dei cavalieri Jedi della Repubblica.

Ma anche chi non è esperto di costumi però non avrà potuto fare a meno di riconoscere l’arma che Rey sfoggia.

Basta una rapida occhiata per rendersi conto che l’impugnatura della spada laser è molto più che familiare…

Sembra proprio la spada di Luke Skywalker che era andata distrutta durante Episodio VIII. Poiché un padawan conclude il suo addestramento forgiando la propria spada laser, ci sono quindi buone probabilità che Rey abbia in qualche modo ricostruito l’arma del suo riluttante maestro.

Nel duello finale de Gli Ultimi Jedi, Luke, prima di morire, ci ha rivelato che non sarebbe stato l’ultimo Jedi. Questa dichiarazione unita alla ricomparsa dell’iconica arma potrebbe dare sostanza alle parole di Skywalker.

A questo punto ci viene rivelato cosa stesse andando in contro alla Jedi: Kylo Ren alla guida del suo Tie Silencer.
Anche nel caso di Kylo Ren, il trailer ci mostra alcuni cambiamenti estetici, che forse indicano anche per lui un avanzamento nell’arco narrativo. Notiamo infatti che, a differenza del Tie Silencer visto ne Gli Ultimi Jedi, quello che viene rapidamente mostrato in questo trailer presenta dei tocchi di vernice rossa invece di essere completamente nero.

L’azione si sposta poi sopra una località di montagna che è sorvolata da una navetta. Non abbiamo dati sufficienti per avanzare ipotesi, ma, volendo essere creativi e accostarla a un pianeta visto in precedenza, potremmo collocare questa zona su Vandor, il pianeta dell’assalto al convoglio in Solo: A Star Wars Story.

Finalmente vediamo per bene Kylo Ren. La prima sequenza a lui dedicata lo mostra intento a combattere e sopraffare un nemico. Non abbiamo dettagli ulteriori, se non che con buona probabilità si tratta di un esponente della Resistenza che, in seguito alla disperata chiamata alle armi del generale Organa, si è in qualche modo riorganizzata.

Parlavamo dell’avanzamento dell’arco narrativo di Kylo Ren, in questa sequenza possiamo vedere la sua vecchia maschera, che aveva distrutto in seguito alle parole di Snoke ne Gli Ultimi Jedi, venire riparata, con alcuni inserti rossi che ricordano il nuovo Tie Silencer. Osservando meglio possiamo notare che le mani intente nella riparazione non sono certo quelle di Kylo Ren, ma di un’altro essere dall’aspetto umanoide. Alcune teorie dei fan dicono che potrebbe trattarsi di qualcuno legato ai Cavalieri di Ren.

Di nuovo il pianeta desertico, ma questa volta possiamo vedere Poe e Fin, notando subito che quest’ultimo porta con sé il bastone di Rey.

Vediamo finalmente anche BB8, accompagnato da un nuovo droide: D-O

Al minuto 1:22 invece ci ritroviamo all’interno della cabina di pilotaggio del Falcon, la camera inquadra due figure di spalle, pronte a saltare nell’iperspazio e improvvisamente arriva il primo piano su Billy Dee Williams, che torna a vestire i panni del vecchio Lando Calrissian.

Dopo il salto nell’iperspazio siamo di nuovo catapultati nel pianeta desertico, dove assistiamo ad un inseguimento su degli speeder tra il Primo Ordine e i nostri eroi (Poe, Fin e C-3PO). Questa scena ricorda molto per fotografia e forma dei veicoli la scena della fuga da Jabba ne Il Ritorno dello Jedi.

Siamo ragionevolmente sicuri che le mani che stringono la medaglia al valore conferita a Luke, Han e Chewbe alla fine di Episodio IV siano quelle di Leia Organa, probabilmente colpita da un momento di nostalgia malinconica dopo la perdita sia di Han che di Luke.

Leia e Rey si scambiano un abbraccio carico di affetto materno. Questa scena, agli occhi degli appassionati, è ancora più emozionante perché il girato in cui apparirà il personaggio interpretato da Carrie Fisher sarà effettivamente autentico. J. J. Abrams infatti non è ricorso in alcun modo a tecniche digitali, bensì è riuscito a utilizzare tutto il materiale prodotto prima della tragica dipartita dell’attrice.

Siamo quasi alla fine di questo teaser, e insieme ai protagonisti siamo testimoni di una sconvolgente rivelazione: davanti ai nostri occhi, in lontananza si para una porzione della (seconda?) Morte Nera.
Ma è ciò che avviene dopo ci fornisce la rivelazione shock di tutto il teaser. Dopo la dissolvenza al nero sentiamo infatti il suono di un’inquinante risata malvagia: senza dubbio la voce di Darth Sidious, colui che fu il malvagio Imperatore.
I più puntigliosi tra voi potrebbero obiettare che il luogo in cui i protagonisti sono ripresi non ricorda lontanamente la luna boscosa di Endor, tuttavia è plausibile ipotizzare che un’esplosione di quella portata abbia sparso i vari frammenti della stazione da combattimento per tutto il sistema di Endor.
Con l’apparizione del relitto della seconda Morte Nera sullo schermo, i produttori possono finalmente chiudere un cerchio e mostrano una particolare situazione che era stata rappresentata in alcuni concept realizzati nello stadio iniziale della produzione della nuova trilogia.

Ma come è possibile che Palpatine sia sopravvissuto tutto questo tempo?
Ci sono diverse ipotesi che possono essere formulate, basandoci sulla nostra conoscenza del canone:

Ipotesi 1: Palpatine utilizzerebbe il potere tipico dei Fantasmi della Forza, come abbiamo visto fare ad altri potenti nella Forza prima di lui.
Ipotesi 2: Palpatine possiede la conoscenza che era di Darth Plaguesis, come da lui spiegato ad Anakin in Episodio III, che garantirebbe l’immortalità (o qualcosa di molto simile).
Ipotesi 3: Palpatine avrebbe a sua disposizione una quantità di misteriosi artefatti della Forza, argomento esplorato durante i romanzi canon della Aftermath trilogy di Chuck Wendig.

Ovviamente queste sono tutte nostre supposizioni, per averne o meno conferma dovremo aspettare dicembre.
Voi, invece, che idea vi siete fatti dopo aver visto il teaser trailer? Avete scovato dettagli particolari che hanno innescato in voi particolari idee?
Parlatecene nei commenti.