Libri e Fumetti

I migliori fumetti Marvel da leggere: consigli per la vostra libreria

Parlare dei fumetti Marvel da leggere è un’impresa titanica, considerato come la Casa delle Idee, forte dei suoi otto decenni di onorata carriera, abbia dato ad una continuity incredibilmente complessa e ricca di grandissime storie. Andare a fare un cernita dei volumi imperdibili è una sfida a cui, prima o poi, tutti cedono, finendo per produrre quella che, a dirla tutta, è una classifica personale dei fumetti Marvel da leggere.

Attingendo quindi alla vastissima produzione Marvel, ecco la personale selezione di fumetti Marvel da leggere, con motivazioni a supporto della scelta

Silver Surfer: Requiem

L’araldo del Divoratore di Mondi, Galactus, è uno dei personaggi più profondi e umani della Casa delle Idee. Norrin Radd è stato inizialmente un avversario dei Fantastici Quattro, ma è divenuto presto un loro alleato, grazie alla sua storia e alla sua indole fondamentalmente buona, che lo ha spinto a ribellarsi ad un padrone spietato, a cui doveva obbedienza come pegno per la salvezza del proprio mondo.

silver surfer requiem

In Requiem, Silver Surfer si trova ad affrontare uno degli aspetti più tipici dell’umanità: la morte. Dopo aver scoperto di aver più poco tempo rimasto, l’argenteo surfista porta un ultimo saluto agli eroi con cui condiviso gioie e battaglie, raccogliendo la loro tristezza o regalando loro un ultimo, memorabile ricordo della sua esistenza. Una mirabile storia scritta da J. Michael Straczynski e disegnata in modo sublime da Esad Ribic, che ha curato anche l’emozionante colorazione.

  • Potete acquistare Silver Surfer: Requiem su Amazon

Stan Lee: L’uomo delle meraviglie

stan lee

Difficile oggi immaginare la Marvel senza ripensare a quel sorriso un po’ impertinente che non mancava sul volto di Stanley Lieber, meglio noto come il Generalissimo, Stan the Man, Smilin’ Stan. Insomma, Stan Lee. Alla sua scomparsa, Panini Comics decise di rendere onore al suo ruolo non solo di uomo immagine di Marvel Comics, ma di narratore, riproponendo alcune delle sue storie più significative.

Dagli esordi, che toccarono l’orrore e il comico, sino alla nascita dell’epopea eroistica Marvel, dove l’inventiva di Stan Lee veniva affiancato dall’estro artistico di leggende come JAck Kirby, Gene Colan o Gil Kane, Stan Lee: L’uomo delle meraviglie è uno spaccato artistico di una delle figure chiave della Casa delle Idee e della pop culture. Su Tom’s Hardware ne aveva parlato il nostro Raffaele in questa bella recensione.

  • Potete acquistare Stan Lee: L’uomo delle Meraviglie su Amazon

Marvels

marvels

Immaginate di rivivere l’epopea degli eroi Marvel  dalla prospettiva di un fotografo, che vive come una missione il raccontare con le sue immagine l’ascesa dei metaumani. Kurt Busiek (storia) e Alex Ross (disegni) accompagnano questo reporter, Phil Sheldon, nella sua scoperta di un mondo in mutamento con la comparsa degli eroi che oggi conosciamo, ripercorrendo la nascita ed il consolidamento del Marvel Universe.

Dalla nascita della prima Torcia Umana alla comparsa degli Avengers, sino ai momenti tesi e cupi dell’avvento dei mutanti, il Marvel Universe viene rivissuto da un punto di vista incredibilmente umano, dove ammirazione e timore si mescolano per trasmettere il senso di imponente meraviglia di fronte a degli dei che camminano fra gli uomini.

  • Potete acquistare Marvels su Amazon

Arma X

arma x

Correva l’anno 1991, e una delle figure chiave del mito dei mutanti di casa Marvel era Wolverine. Personaggio criptico, l’artigliato canadese, inzialmente nemico di Hulk, grazie a cui esordì nel mondo dei comics, e poi divenuto  parte integrante della X-Family con Seconda Genesi, quando Chris Claremont diede nuova vita ai pupilli di Xavier. Per anni, il passato di Wolverine era un mistero che rendeva il personaggio affascinante per i lettori, ma arrivò il momento di spiegare, finalmente, l’origine dei suoi artigli, dopo che venne finalmente deciso quale fosse la loro vera natura.

Nel 1991, Barry Windsor Smith si lanciò nella titanica impresa di raccontare le origini di Wolverine, presentando ai lettori, per la prima volta, aspetti divenuti poi parte integrante del mito dell’artigliato canadese, come il progetto Arma X o il dottor Cornelius. Parte integrante del fascino di Arma X è l’incredibile padronanza di Barry Windsor Smith nel gestire il racconto visivo, stravolgendo l’utilizzo delle didascalie, renendole parte integrante dei dialoghi, lavorando magnificamente anche sulla colorazione e la caratterizzazione del lato ferino di Logan.

  • Potete acquistare Arma X su Amazon

Battlin’ Jack Murdock

battling jack murdock

Dietro la maschera dei supereroi c’è sempre un uomo, un essere cresciuto da figure che, nel bene o nel male, ne hanno segnato l’anima. Questa regola, nel caso di Matt  Murdock, ha il nome di Jack Murdock, il padre del futuro Daredevil. Si è sempre saputo che la figura paterna fosse centrale per Daredevil, ma è la storia firmata da Zeb Wells e dal nostro Carmine di Giandomenico ad offrire uno dei migliori ritratti di questo simbolo del Diavolo Custode.

In Battlin’ Jack Murdock il protagonista è Jack Murdock, pugile attempato che cerca di offrire al suo Matt una vita migliore della sua. Costretto a venire a compromessi con la piccola malavita di quartiere, divenuto padre quasi per obbligo e rimasto solo a crescere un figlio, Jack Murdock è una figura emotivamente travolgente. Non perfetto ma intenzionato ad essere un buon padre, Jack trova un riscatto finale che rappresenta la nascita di Daredevil, ma è anche la sua definitiva redenzione agli occhi del figlio.

  • Potete acquistare Battlin’ Jack Murdock su Amazon

La morte di Capitan Marvel

la morte di capitan marvel

Difficile nel mondo supereroistico concepire la morte di un eroe se non sul campo di battaglia. Capitan Marvel, dopo esser stato una delle forze più potenti del Marvel Universe, diventa il primo metaumano a dover affrontare la morte come un banale, normalissimo essere umano. Lui che ha solcato la galassia e ha sconfitto Thanos. Jim Starlin, dopo aver gestito per qualche anno le avventure di Mar-Vell, mette l’eroe di fronte alle conseguenze del suo eroismo.

In una vecchia storia, Mar-Vell, durante uno scontro con il supercriminale Nitro, aveva assorbito una letale dose di gas venefico e radiazioni, i cui effetti erano contrastati dalla nega-bande, i braccialetti con cui l’eroe poteva scambiare la propria presenza nella realtà con il giovane Rick Jones. Con il tempo, l’effetto delle nega-bande perde di efficacia, rendendo quelle radiazioni letali per Capitan Marvel, che viene colpito dal cancro.

Jim Starlin racconta la lenta morte dell’eroe, vissuta con dignità, circondato da amici addolorati e nemici che tributano un onorevole omaggio di commiato ad un nemico valoroso. A dare il tono a questa vicenda è la percezione degli stessi eroi della morte, come se per la prima volta si sentissero umani nella loro mortalità. Starlin ha creato un crescendo emotivo intenso, con una vena di malinconia e commozione palpabile, con una chiusura delicata e rispettosa.

  • Potete acquistare La morte di Capitan Marvel su Amazon

Wolverine Omnibus

wolverine

Dopo esser apparso per diverso tempo nelle storie degli X-Men, Wolverine divenne uno dei beniamini del pubblico, al punto di meritarsi dei lunghi archi narrativi che lo videro protagonista indiscusso. Soprattutto, il suo personaggio era potenzialmente ricco di spunti su cui lavorare, un’idea che era condivisa tra due grandi nomi della Casa delle Idee: Chris Claremont e Frank Miller. I due si trovarono a creare gran parte del mito dell’artigliato canadese, in particolare portando l’elemento del Giappone all’interno del personale codice morale di Wolverine. Wolverine Omnibus raccoglie le storie più importanti di questo lato dell’animo di Logan, approfondendo anche la caratura del personaggio con storie sempre firmate da Claremont ma disegnate da un altro grande nome Marvel, John Buscema.

  • Potete acquistare Wolverine Omnibus su Amazon

Devil: Giallo

devil giallo

Quando si parla di Daredevil, non si può fare a meno di parlare non solo della sua figura paterna, ma anche del suo grande amore: Karen Page. Durante Diavolo Custode, il vero amore di Matt Murdock venne uccisa da Bullseye, una perdita che sconvolse il Cornetto. Toccò poi a Jeph Loeb e Tim Sale raccontare le conseguenze di questa tragedia, mostrandoci un Daredevil mai così umano, intento a ritrovare la propria bussola morale, ripercorrendo in, un viaggio nella memoria, i suoi primi passi come eroe, sino all’incontro con Karen. Devil: Giallo non è solo una storia delle origini in cui sono presenti i punti essenziali del personaggio, ma un emozionante racconto di accettazione della perdita ed accettazione del lutto, con alcune frasi veramente toccanti.

  • Potete acquistare Daredevil: Giallo su Amazon

Spider-man: L’ultima caccia di Kraven

l'ultima caccia di kraven

Un pezzo di storia della vita del Tessiragnatele. Per la prima volta, un avversario di Peter Parker riesce ad arrivare quasi al punto di ucciderlo, ma sopratutto ucciderne lo spirito, privandolo di quel suo carattere positivo che si asssocia alla maschera di Spider-man. DeMatteis ha scritto uno dei capitoli più cupi ed emozionanti dell’Arrampicamuri, recentemente presentato da Panini in una edizione da collezione che ne amplia il fascino.

  • Potete acquistare L’ultima caccia di Kraven su Amazon

Magneto: Testamento

magneto testamento

Dell’eterno nemico degli X-Men abbiamo sempre conosciuto il passato che lo vide affrontate, in tenera età, la barbarie del nazismo. Da  giovane ebreo, Erik affrontò la difficoltà di sopravvvivere alla segregazione, una ferita che segnò profondamente l’uomo che divenne. Greg Pak scrive una storia straziante e umana, in cui non ci vede Magneto ma il ragazzo che venne prima del temibile nemico di Xavier. A dare vita a questa storia è stato il talento di Carmine di Giandomenico, che ha realizzato delle tavole struggenti e colpiscono dritto al cuore

  • Potete acquistare Magneto: Testamento su Amazon

La Saga di Fenice Nera

saga fenice nera

Parlando di X-Men, una delle saghe centrali del mito dei Figli dell’Atomo è quella di Fenice Nera. Realizzata da uno dei padri della rinascita mutante, Chris Claremont, questo lungo arco narrativo introduce la Fenice e gli Shi’ar all’interno della vita dei mutanti Marvel, rendendoli parte del loro crescente univero. Soprattutto, è interessante vedere la costruzione e lo sviluppo delle figure femminili all’interno della gestione Claremont, in particolare la definizione della figura di Jean Grey, che si emancipa dal ruolo di ragazzina classico visto sino a quel momento nei fumetti.

  • Potete acquistare La Saga di Fenice Nera su Amazon