Parchi divertimento

Rainbow Magicland: nel 2020 arriva Cosmo Academy un planetario da record mondiale

Rainbow Magicland, uno tra i 10 migliori parchi divertimento in Italia, da quest’anno ha cambiato gestione. La precedente società (Alfa Park) è fallita, quella nuova fa parte di un grosso fondo di investimenti internazionale (Pillarstone) che fin da subito ha chiarito che per il parco è in programma una totale ristrutturazione e l’aumento dell’offerta in termini di attrazioni, per un investimento complessivo in cinque anni non inferiore ai 40 milioni di euro.

Rainbow Magicland: le novità

Dopo le varie novità 2019, ovvero l’horror house Haunted Hotel e l’area tematica per famiglie Tonga con annesso il log flume (i tronchi sull’acqua) Nui Lua, è il momento di guardare al 2020 con Cosmo Academy.

La foto proposta in copertina immortala l’ex castello di Alfea oggetto di importanti lavori. Infatti è qui che sorgerà la novità 2020. L’esterno verrà completamente ritematizzato.

Al suo interno troviamo attualmente un planetario, ed è necessario parlarne un attimo in modo più approfondito. Questo planetario esiste nel parco già dalla sua inaugurazione nel 2009, tuttavia non è mai stato usato come tale se non in rare occasioni con esiti deludenti. Questo a causa di un grave errore di progettazione che ha portato alla realizzazione delle sedute poste come fossimo in un normalissimo cinema, il che non ha senso, in quanto la vista della cupola è pessima ed a tratti totalmente preclusa. La vecchia gestione non si è mai occupata del problema ed ha preferito abolire l’attrazione sostituendola con un semplice filmato 3D.

La novità 2020 – Cosmo Academy – consisterà nella realizzazione di un planetario vero, comodamente fruibile e decisamente spettacolare. Non si parla infatti di una struttura qualunque, ma di una cupola di 25 metri di diametro illuminata da 12 proiettori, la seconda più grande del mondo dopo quella di New York. L’intenzione è quella di offrire un’esperienza divertente per tutta la famiglia, ma soprattutto educativa, proponendo un filmato scientificamente accurato ed una sala che precede il planetario vero e proprio di tipo museale pensata anche per rendere tutto più comprensibile ai bambini.

Ciò è reso possibile dalla collaborazione con Isia Roma Design e grazie alla consulenza scientifica di Letizia Davoli.

Durante la presentazione sono intervenuti Gaudenzio Bonaldo Gregori, Country Manager Pillarstone Italy ed il prof. Lorenzo Fioramonti, viceministro del Miur che ha dichiarato:

I parchi sono un modo per confrontarsi con il mondo circostante soprattutto quando assumono un percorso specifico. Molti non lo sanno ma l’italia ha una lunga tradizione spaziale, e la scelta di questo particolare tema è molto intelligente e accattivante. Mi fa piacere che si sia creata questa sinergia importante tra un’azienda privata, che ha scelto di scommettere sul divertimento intelligente e una realtà come Isia che rende il designer immediato e facilmente comprensibile, come deve essere. L’idea di legare il divertimento dei bambini e degli adulti alla scuola, dimostra capacità di aver compreso il cambiamento, la necessità di inventare nuovi linguaggi per incuriosire. Questo è parte dei nuovi modi di fare scuola. Davvero complimenti per questa scelta coraggiosa e innovativa


A breve il Castello di Alfea al parco verrà smantellato. E’ possibile acquistare la versione in miniatura come gioco per i bambini.