Tom's Hardware Italia
Giochi in scatola

Recensione: Bears vs Babies, lotta dura all’esercito dei poppanti

Autore
Elan Lee e Matthew Inman
Editore
Asmodee
N° Giocatori
2-5
Età consigliata
10+
Durata Media
20 minuti

In Bears Vs Babies localizzato in italiano da Asmodee un terribile esercito di Bebè si staglia all'orizzonte e voi dovrete costruirvi un esercito di Orsi (e altri mostri) per divorarne il maggior numero.

Dai creatori del gettonatissimo Exploding Kittens arriva un nuovo, “devastante” ed irriverente filler: Bears vs Babies ! I giocatori questa volta dovranno costruire un mastodontico esercito di orsi (e altri mostri) abbastanza forti da divorare gli orribili Bebè quando attaccheranno.

 

L’obiettivo di questo gioco è molto semplice: per vincere i giocatori dovranno divorare il maggior numero di bebé con il proprio esercito di orsi (e altri mostri).

Beh, sembra davvero una passeggiata nel parco!” direte voi. E invece no, non sarà così semplice come sembra perché oltre ai terribili bambini pronti a scatenarvisi contro come un flagello divino, dovrete guardarvi le spalle dagli altri giocatori che non esiteranno a mettervi i bastoni fra le ruote per eliminare il vostro piccolo contingente mostruoso.

Come funziona

Le regole di Bears Vs Babies (spiegate in maniera davvero semplice ed intuitiva nel manuale) sono molto chiare: dopo aver aperto la bellissima e pelosissima scatola di Bears vs Babies, basterà disporre il playmat di gioco al centro del tavolo, mettere da parte le 5 Teste di Orso, mescolare bene tutte le carte e distribuirne quattro più una Testa di Orso ad ogni giocatore.

Le carte che sono avanzate andranno divise alla buona in tre mazzetti diversi che verranno disposti nelle tre pile “mazzo di pesca” poste a destra nel playmat. Se doveste ricevere una carta Bebè durante la vostra mano iniziale, NIENTE PANICO! Basterà infatti metterla a faccia in giù sul tappetino di gioco, nello spazio del colore corrispondente alla carta e sostituirla con una del mazzo di pesca per avere sempre cinque carte come mano iniziale. Ogni giocatore, nel proprio turno, potrà compiere un numero di azioni che dipende da quanti sono i giocatori: 4 azioni in due giocatori, 3 azioni in tre giocatori, 2 azioni in caso di quattro o cinque giocatori. Le azioni saranno: pescare o giocare una carta, provocare i bebè o cercare negli scarti.

Giocare una carta Testa è essenziale per poter costruire il proprio mostro. Sulla sommità della carta, troviamo la forza della nostra “creatura” ed il tipo di mostro che andremo a creare. Esistono tre tipi di mostro (così come tre tipi di Bebè): di terra, di mare e di cielo. Ogni tipologia di mostro combatte contro la specifica tipologia di bebè. Le carte Testa di Orso hanno un arcobaleno a dimostrare che possono combattere contro tutte le tipologie di bebè. Non è necessario avere uno o più mostri di qualsiasi tipo, possiamo infatti arrivare ad avere anche due mostri di terra e uno di cielo, dipende da quanta fortuna avremo con le carte!

Per poter aumentare la forza del nostro mostro, dovremo aggiungere ulteriori parti del suo corpo stando bene attenti ad allineare i punti di sutura presenti alle estremità di ogni carta (ad esempio, una testa con tre punti di sutura, non potrà essere attaccata ad un busto che presenta quattro punti). Non occorre completare un Mostro per iniziare a costruirne un altro, è però obbligatorio iniziare a costruire un nuovo mostro partendo sempre dalla testa. Un mostro con molte parti del corpo, sarà un mostro caratterizzato da una grande potenza, ricordatelo! Durante la creazione del proprio esercito, vedrete nascere dei mostri davvero divertenti, ad esempio una testa di Grizzly con delle mutande da urlo, un castoro che sarà però anche un pezzo di sushi o un’aragosta spaziale con al comando uno scoiattolo robot e con un T-Rex come braccio.

Oltre alle carte Testa e “parti del corpo” dei Mostri, nel mazzo saranno presenti delle carte azione che andranno a “disturbare” gli avversari, letteralmente decapitando i loro mostri, scambiandone le teste o potranno dimezzare uno dei mazzi di Bebè. Saranno disponibili anche carte speciali come ad esempio cappelli o oggetti vari che potranno aumentare a dismisura la potenza bellica del vostro esercito o vi doneranno un’azione in più durante il vostro turno.

Non c’è alcun limite massimo al numero di carte nella vostra mano, basta solo ricordare che pescare una carta equivale ad una azione e se si pesca una carta Bebè è necessario metterla subito nello spazio del colore corrispondente all’Esercito dei Bebè (pescare una carta Bebè e metterla sul playmat conta come un’azione).

Combattere i bambini

Per affrontare uno dei tre Eserciti di Bebè in Bears Vs Babies vi basterà urlare, fortissimo, PROVOCO durante il vostro turno, indicando quale dei tre eserciti volete sfidare. A questo punto, si dovranno girare le carte dell’esercito scelto e sommare la forza dei Bebè presenti. Il combattimento di un esercito coinvolge tutti i giocatori che hanno mostri del colore che identifica l’armata dei poppanti ingaggiata: se provocate i Bebè di mare, tutti i mostri di mare in gioco dovranno affrontare l’orda di bambini che vi si parerà davanti.

Ogni giocatore coinvolto dovrà sommare tutti i punti forza presenti sui vari mostri coinvolti nel combattimento e chi ha il valore maggiore, vincerà lo scontro ed otterrà le carte Bebè come punti che andranno a decretare il vincitore alla fine del gioco. Nel caso in cui nessun giocatore coinvolto riesca a battere l’esercito di bambini, i Bebè vinceranno e verranno spostati nella pila degli scarti.

Dopo ogni combattimento, tutti i mostri che hanno partecipato alla battaglia vengono, ahimè, scartati. Non affezionatevi troppo ai vostri mostri, perché dureranno sempre troppo poco. Provocare i Bebè serve si ad accumulare punti utili a farci vincere il gioco ma torna utile anche per disturbare gli altri giocatori nel caso stiano creando un esercito di Mostri troppo potente. Usate l’azione PROVOCO in maniera brillante per vedere i vostri amici consumati dalla rabbia (e dai Bebè).

 

L’ultima azione disponibile è rappresentata dalla possibilità di cercare tra gli scarti per poter recuperare una carta potente a vostro piacimento. In questo caso, la ricerca tra gli scarti sarà la vostra unica azione durante questo turno.

Quando un giocatore pescherà l’ultima carta dell’ultimo mazzo di pesca, quel giocatore completerà il suo turno e ciascun altro giocatore avrà un ultimo turno a disposizione (incluso il giocatore che ha appena pescato). Dopo quest’ultimo giro, basterà sommare le carte Bebè vinte durante gli scontri per decretare quale sia il giocatore vincitore della partita.

 

Conclusioni

Bears vs Babies è un gioco dinamico e divertente, che permette di costruire Mostri davvero molto, molto strani come ad esempio: “Testa di squalo su di un carro armato con un ala di pipistrello ed una motosega come braccia” e vi metterà davanti a dei Bebè davvero orrendi. Un filler ideale per iniziare o concludere una serata di giochi, adatto ai neofiti che si stanno affacciando a questo vasto mondo come anche ai giocatori più “hardcore”. Bears vs Babies si dimostra molto simpatico durante le prime partite ma può risultare ripetitivo se giocato spesso, in quanto le dinamiche non permettono partite molto diverse tra loro.

Bears Vs Babies

Bears vs Babies è un gioco frenetico e divertente dove, col vostro esercito di Mostri dovrete mangiare il maggior numero di Bebé per poter vincere la partita!



Verdetto

Bear vs Babies è un bel gioco per concludere o iniziare una serata, adatto ai nuovi giocatori come anche ai più “scafati” che cercano un filler semplice e veloce senza grandi pretese se non quella di intrattenere e divertire per qualche rapida partita. Può essere un buon regalo, data anche l'accattivante confezione, da fare ad amici e parenti che solitamente non giocano e che volete avvicinare al mondo dei boardgame. Non un gateway ma sicuramente una buona "ancora" per incuriosire e far sedere attorno ad un tavolo le più disparate persone.

Pro

- Regole chiare e assimilabili velocemente
- Creazione di mostri davvero incredibili
- Possibilità di disturbare (pesantemente) gli avversari
- La confezione del gioco è stupenda

Contro

- Dopo alcune partite il gioco può risultare ripetitivo
- Partite avvincenti solo da tre giocatori in su