Cinema e Serie TV

Superman apparirà al cinema in più versioni? Parla Charles Roven

Il personaggio di Superman è tornato sul grande schermo ne L’Uomo d’Acciaio, il film di Zack Snyder che ha dato il via al cosiddetto DC Expanded Universe. Dopo essere tornato in Batman v Superman: Dawn of Justice e Justice League (inclusa la versione riveduta e corretta rimontata dallo stesso Snyder), il personaggio interpretato da Henry Cavill sembra essere stato temporaneamente messo in pausa da Warner Bros., con la volontà di portare al cinema altre versioni del personaggio.

Superman

Charles Roven, produttore del primo film dedicato a Superman uscito nel 2013 (qui in offerta su Amazon), crede che ci sia spazio per più pellicole dedicate al figlio di Krypton o ai suoi “eredi”: Sasha Calle interpreterà Supergirl in The Flash in uscita del 2022, sebbene non è chiaro se sarà o no una discendente diretta del Kal-El/Clark Kent di Cavill o se verrà da un altro universo (considerando che il film di Andy Muschietti dovrebbe introdurre il Multiverso nel DCEU, la cosa non è da escludere).

J.J. Abrams produrrà invece un nuovo film di Superman grazie anche alla presenza dello scrittore di fumetti Ta-Nehisi Coates, scelto per scrivere la sceneggiatura. Le notizie indicano che il nuovo cinecomic includerà il primo Superman live-action di colore, sebbene il casting per il ruolo non avrebbe ancora preso il via. Tutti i segnali portano quindi a nuove iterazioni dell’eroe, tanto che Roven crede che ci sia spazio per l’esistenza di più Superman contemporaneamente.

Secondo ComicBook (qui la notizia originale), i vari Batman che appariranno in The Flash sono la “prova” secondo la quale più versioni dello stesso erore possono coesistere nello stesso multiverso, un po’ come del resto accade tra le pagine dei fumetti (basti pensare alle varie versioni di Lanterna Verde, spesso riuunite per un fine comune). Resta da vedere se e quando Warner Bros. opterà per un film “corale” nel quale potremo finalmente vedere i vari Supermen collaborare tra loro.