Tom's Hardware Italia
Giochi in scatola

Tainted Grail: sta per concludersi il kickstarter da ben 5 milioni di dollari

Tainted Grail: The Fall of Avalon sta per diventare realtà grazie a una campagna kickstarter che si sta per concludere con quasi 5 milioni di dollari raccolti e quasi 37.000 backer. Un successo più che sorprendente, dato che il gioco di Awaken Realms si assesta tra le prime cinque campagne di successo di sempre su Kickstarter per quanto riguarda i giochi da tavolo.

Tainted Grail: The Fall of Avalon sta per diventare realtà grazie a una campagna kickstarter che si sta per concludere con quasi 5 milioni di dollari raccolti e quasi 37.000 backer.

Un successo più che sorprendente, dato che il gioco di Awaken Realms si assesta tra le prime cinque campagne di successo di sempre su Kickstarter per quanto riguarda i giochi da tavolo.

Ma cosa ha reso così speciale questo progetto, al punto da avvicinare con entusiasmo i fan da tutto il globo?
Sicuramente una formula assodata ma vincente e una cura maniacale per i dettagli, estetici e non. Infine, non meno inportante ma centro nevralgico della dinamica di gioco è un gusto per la narrazione secondo solo ai giochi di ruolo veri e propri.

Il gioco fonda le radici della sua ambientazione nella mitica terra di Avalon, rivisitata in chiave dark e decadente, lasciando il giocatore in un’atmosfera di costante pericolo e catasftrofe incombente, mentre pochi non-eroi vengono chiamati a risollevare il destino del loro mondo.

Non è un caso che li abbia chiamati così, perché per volere dei creatori i protagonisti non sono personaggi famosi con nomi altisonanti, ma i classici underdog, gente che sopravvive attraverso mille difficoltà alla oscura piaga che attraversa le lande. Scegliendo Beor il fabbro, Ailei la guaritrice oppure un altro personaggio del cast, portiamo avanti una storia legata a esso, non una semplice pedina sul campo di gioco.

Punti di forza e debolezze, incubi e segreti, dipanati lungo una trama che viene automaticamente generata dalle scelte del giocatore.
Mi spiego meglio. Il terreno di gioco viene svelato man mano che ci spostiamo con la pedina su carte disposte gradualmente sul tavolo, spendendo i nostri punti azione. Possiamo scegliere di muoverci, esplorare antiche rovine, commerciare, risolvere missioni, acquisire punti esperienza, migliorare l’equipaggiamento, recuperare generi di primo soccorso e scorte di alimenti per il viaggio. A volte dovremo lottare contro mostri e creature utilizzando un sistema ingegnoso legato a un mazzo di mosse e colpi, privo del fattore randomico del dado, qui sostituito dalla pescata di una o più mani, a seconda dei round di combattimento.

La parte avvincente, come detto è legata alla trama, tutt’altro che scontata anche se si posa su canoni che sono delle vere e proprie colonne del fantasy oscuro che caratterizza i gusti dei giocatori di questo scorcio di secolo appena iniziato. Quando verremo chiamati a fare una o più scelte, leggeremo paragrafi e scelte, come in un enorme librogame che ci narra le vicende e verremo posti di fronte a conseguenze che potranno protrarsi addirittura attraverso i capitoli della campagna. A tal proposito, solo nella scatola base troviamo 15 capitoli e vi basti pensare che per completarne uno solo anche il più semplice, possono volerci anche 3 ore. Naturalmente il gioco scala benissimo da 1 a 4 giocatori per un’esperienza completa.

Altro fattore di successo è sicuramente l’aspetto estetico, con artwork di fattura pregiata, sia per quanto riguarda le carte che compongono il piano di gioco, le abilità, i mostri, gli eventi ma anche per le schede personaggio. Robuste e di generose dimensioni permettono di collocare i cubetti segnalino per mettere in evidenza statistiche e inventario del personaggio. Lo stile è dark e gode di un gusto pittorico speciale, con evidenti richiami alle atmosfere di un male imperioso che siamo sempre chiamati ad affrontare.
Le miniature meritano una menzione perché sono molto dettagliate e differenziano bene personaggi dai mostri. Per avere le 20 miniature dei mostri di Avalon, altrimenti rappresentati su carte, dovremo però fare lo sforzo economico di aggiungere qualcosa per il pacchetto aggiuntivo, escluso dagli stretch goals.

Il richiamo di pubblico è tale che partecipando al crowdfunding avremo ben 2 campagne di espansione aggiuntive comprese nell’offerta, con personaggi nuovi e ulteriori storie verranno narrate in futuro, aumentando di molto le possibilità di trascorrere centinaia di ore con Tainted Grail. In altre parole un’investimento assicurato per uno stile di gioco che richiama tempi andati, ma che grazie a formule di autofinanziamento come questa garantisce di arrivare dritto al cuore dei giocatori.

Dulcis in fundo, un bonus per tutti coloro che parteciperanno: la versione digitale del gioco per computer, ma non una mera trasposizione bensì un vero e proprio altro gioco nel gioco completamente gratuito!

Al momento ancora poche ore ci separano dalla fine, cosa state aspettando? Correte a partecipare, il gioco è previsto in arrivo per metà 2019, anche in lingua italiana.