Monitor

Acer Predator CG552K, monitor 4K OLED gaming da 55 pollici

Acer ha presentato al CES 2020 di Las Vegas il nuovo monitor Predator CG552K. Disponibile a partire dal terzo trimestre a circa 3000 dollari, è dotato di un pannello OLED da 55 pollici con una risoluzione 4K.

Il display OLED assicura neri incredibilmente profondi rispetto ai tipici monitor LCD e persino l’elaborazione del movimento è superiore, il che è un grande vantaggio per i pro player.

Oltre ad essere un enorme monitor gaming 4K, Predator CG552K supporta contenuti HDR con una luminosità massima di 400 nits (è certificato VESA DisplayHDR 400) e promette un Delta E inferiore a 1 con una copertura del 98,5% del color gamut DCI-P3.

I giocatori apprezzeranno la compatibilità con la tecnologia Nvidia G-Sync e la frequenza di aggiornamento di 120 Hz unita a un tempo di risposta di 0,5 ms (GTG), anche se tramite overdrive.

Tipo di pannello e retroilluminazione 55 pollici OLED
Risoluzione massima e refresh rate 3840 x 2160 @ 120Hz; FreeSync
Tempo di risposta (GTG) 0,5 millisecondi
Luminosità HDR 400 nits
Contrasto Non indicato
Speaker 2 x 10W
Porte 2 x DisplayPort 1.4
3 x HDMI 2.0
2 x USB 3.0
2 x USB 2.0
1 x USB-C
Prezzo 3000 dollari

Il monitor ha altri assi nella manica, tra cui un sensore di prossimità che lo accende quando qualcuno si avvicina e una modalità di risparmio energetico che entra in azione quando nessuno lo sta guardando.

C’è anche un sensore di luce che regola la luminosità dello schermo in base alla luminosità ambientale. Predator CG552K vanta tre HDMI 2.0, due DisplayPort 1.4, una USB C, un ingresso USB 2.0 e uno USB 3.0. Inoltre, ci sono due altoparlanti da 10W e “strisce luminose personalizzabili”, secondo l’annuncio di Acer.

Predator CG552K entrerà a far parte della piccola nicchia di monitor gaming OLED. L’unico altro membro disponibile è l’Alienware AW5520QF (Amazon). La proposta di Alienware vanta specifiche simili al monitor Acer, eccezion fatta per i due altoparlanti da 14W e un minor numero di porte.

Naturalmente, dobbiamo ancora scoprire come saranno implementate le strisce luminose sul Predator e se arriverà con un telecomando elegante come quello di Alienware.

Entrambi i display sono certificati solo per una luminosità minima di 400 nits con HDR e non supportano il FreeSync 2 HDR. Inoltre, entrambi hanno prezzi troppo alti per ingolosire i consumatori in cerca di TV OLED.