CPU

Apple e Intel saranno le prime a usare 3nm di TSMC

Secondo un report di Nikkei AsiaIntel e Apple saranno i primi ad adottare chip con tecnologia a 3 nm di Taiwan Semiconductor Manufacturing Co., conosciuta come TSMC. Diverse fonti hanno riferito a Nikkei Asia che la produzione commerciale dei chip dovrebbe iniziare nella seconda metà del 2022. Secondo quanto riportato anche da Windows Central, Intel lavorerà con TSMC per realizzare CPU per notebook e per data center utilizzando il processo a 3 nm.

Ormai è noto a tutti che Intel abbia ritardato il suo passaggio alle tecnologie nanometriche più piccole. Rapporti recenti suggeriscono che i chip Meteor Lake a 7 nm dell’azienda dovrebbero essere rilasciati nel 2023. Lavorando con TSMC, Intel può passare a chip realizzati con un processo a 3 nm mentre lavora per migliorare la propria tecnologia. Secondo quanto riferito, AMD, che compete con Intel, dovrebbe utilizzare la tecnologia a 5 nm di TSMC per i suoi processori per notebook nel 2022.

Ma cosa sono questi nanometri? 3 nm si riferisce alla misurazione tra i transistor su un chip e di solito spazi più piccoli indicano processori migliori e più prestanti. TSMC afferma che la tecnologia a 3 nm può migliorare le prestazioni di elaborazione tra il 10% e il 15% rispetto alla tecnologia a 5 nm. La tecnologia riduce anche il consumo energetico tra il 35% e il 30%, secondo TSMC.

Le fonti di Nikkei Asia indicano che l’iPad di Apple sarà probabilmente il primo dispositivo alimentato da chip realizzati con tecnologia 3 nm. Mentre l’hardware di Apple potrebbe essere il primo a funzionare con i nuovi chip, un’altra fonte avrebbe riferito che Intel potrebbe essere l’azienda a ordinare più processori. “Attualmente il volume di chip pianificato per Intel è superiore a quello per l’iPad di Apple che utilizza il processo a 3 nanometri”, ha affermato una delle fonti.

Intel ha confermato a Nikkei Asia che sta lavorando con TSMC per la sua linea di prodotti del 2023, ma non ha specificato quale processo verrà utilizzato nello specifico in quel progetto. TSMC e Apple, invece, non hanno ancora condiviso commenti riguardo la vicenda. Sicuramente si evince, però, come sia in atto una vera e propria gara per adottare l’ultimo processo produttivo disponibile per i propri chip.