Computer Portatili

Apple MacBook Pro: qualità costruttiva da rivedere?

I nuovi Apple MacBook Pro da 15 pollici sono stati criticati per la qualità costruttiva: secondo iFixit lo smontaggio ha rilevato qualche problemino. In verità come ribadiscono gli specialisti del “disassemblaggio”, la soglia di attenzione nei confronti di prodotti che costano non meno di 1700 euro è decisamente più alta del normale.

MacBook Pro smontato

Anche piccole trascuratezze possono essere considerate negativamente. I tecnici hanno infatti individuato la presenza di un foro senza vite accanto al sistema di altoparlanti – in ogni caso non fondamentale per il serraggio. E non da meno la fascia della piattina del sensore infrarossi fuori sede. “Queste cose non dovrebbero essere viste dentro un computer intonso che ha un prezzo di partenza di 1800 dollari”, sostiene iFixit.

Manca una vite! – clicca per ingrandire

Lo “scandalo” ha raggiunto l’apice però con la scoperta di una quantità industriale di pasta termo conduttiva applicata al processore centrale e quello grafico. “Urca quanta pasta termica! Il tempo ci dirà se questa montagna di pasta termica applicata a CPU e GPU causerà problemi di surriscaldamento nel tempo”, ha sottolineato iFixit.

Piccolo fuori sede – clkicca per ingrandire

Com’è risaputo questo genere di pasta viene posta tra chip e dissipatori per migliorare la conduzione termica, ma ovviamente esagerare con la quantità può causare l’effetto contrario, ostacolando il raffreddamento del chip. Per Jon Peddie, presidente della società di ricerca Jon Peddie Research, un dettaglio come questo andrebbe considerato come sinonimo di leggera trascuratezza.

Urca quanta pasta! – clicca per ingrandire

Il direttore di iFixit Miroslav Djuric è intervenuto sulla questione ricordando che Apple si è sempre distinta per la sua qualità costruttiva. A suo parere queste piccole sbavature non sono ancora così importanti, ma mettono in allerta. “Come ogni cosa nella vita, il processo di produzione per l’elettronica non è perfetto, e neanche per Apple”, ha conlusto Djuric.

Primi segnali di un trend negativo o piccole incertezze dovute all’avvio della produzione?