Tom's Hardware Italia
Storage

Backblaze, nuovi dati sull’affidabilità degli hard disk

Qualche settimana fa Backblaze ha pubblicato l'ormai tradizionale classifica di affidabilità degli hard disk presenti nel suo ecosistema di archiviazione.

Nelle scorse settimane Backblaze ha reso disponibili i dati relativi al secondo trimestre sull’affidabilità degli hard disk in uso nel suo ecosistema di cloud storage. L’azienda statunitense, tra l’altro, pochi giorni fa ha aperto il suo primo datacenter europeo in quel di Amsterdam.

Le statistiche pubblicate dall’azienda si basano su un numero consistente di hard disk che, a giugno 2019, ammontava a 110.640 unità; di questi 1.980 sono utilizzati come unità di avvio mentre i restanti 108.660 sono impiegati per l’archiviazione dati.

Backblaze Q2 2019 hard disk

Consultando i risultati è possibile avere un’idea della media dei malfunzionamenti ai quali sono soggetti gli hard disk destinati al settore consumer, utilizzati dall’azienda in quantità maggiore rispetto ai modelli enterprise con l’obiettivo di contenere i costi.

Dalle statistiche sono stati esclusi gli hard disk utilizzati per le operazioni di prova e i modelli presenti in meno di 60 unità (per questo non ci sono unità da 5 TB, anche se l’azienda ha usato 45 unità Toshiba per 4 anni registrando solo due malfunzionamenti), numero minimo contenuto in ciascuno dei 1980 Storage Pod dell’azienda, per un totale di 108.461 dischi analizzati.

Toshiba è al primo posto nel secondo trimestrecon un “failure rate” pari allo 0% sul modello MG07ACA14TA da 14 TB (99 dischi in funzione), seguita da HGST.

Anche un altro hard disk Toshiba da 4 TB (MD04ABA400V) ha ottenuto una percentuale di malfunzionamento pari allo 0% nel secondo trimestre, ma non è presente nella classifica in quanto il numero di unità testate non ha raggiunto la soglia minima per accedervi.

Western Digital non compare in classifica in quanto anche le ultime unità da 6 TB in funzione sono state ritirate dal servizio. L’azienda è comunque presente “sotto mentite spoglie”, in quanto Backblaze ha un buon numero di unita HGST, azienda di proprietà di WD.

HGST costituisce circa il 20% del numero totale di hard disk di Backblaze che, nel secondo trimestre, ha aggiunto ben 4700 unità HGST da 12 TB. Backblaze è comunque pronta a integrare prossimamente nel proprio insieme di storage unità WD da 14 TB.

Nella tabella di seguito sono riportati le statistiche di malfunzionamento relative all’intera vita degli hard disk usati da Backblaze a partire dall’aprile 2013 e ancora in funzione.

Backblaze tabelle dati secondo trimestre 2019