CPU

CPU vendute a dicembre: nuovo record per AMD su Mindfactory

Le azioni di AMD hanno raggiunto il massimo storico e questo importante traguardo per l’azienda di Lisa Su è l’inevitabile risultato del successo dei processori Ryzen 3000 dallo scorso luglio a oggi.

Ne abbiamo parlato più volte, ma i nuovi dati che arrivano dal grande rivenditore tedesco Mindfactory per il mese di dicembre rafforzano ulteriormente la posizione della casa di Sunnyvale in vista di un 2020 che si preannuncia molto interessante.

Le vendite di CPU AMD hanno persino superato l’ottimo 82% di novembre, arrivando all’86%, facendo arretrare Intel fino al 14%. A dicembre quasi nove persone su dieci si sono quindi rivolte a Mindfactory per acquistare un processore AMD. Nel complesso si parla di quasi 29 mila processori venditi, contro meno di 5 mila sul fronte Intel.

A fare la parte del leone il modello Ryzen 5 3600, seguito dal Ryzen 7 2700X, dal Ryzen 5 3600X, dal Ryzen 7 3700X e dal Ryzen 5 2600. In casa Intel spiccano i più venduti rimangono le soluzioni K appartenenti alla famiglia Core di nona generazione, come il Core i7-9700K.

In termini di fatturato, AMD è riuscita a capitalizzare l’82% contro il 18% di Intel, il che significa che il prezzo medio dei processori dell’azienda è aumentato nelle ultime settimane, probabilmente a causa della domanda. Si parla di vendite per oltre 8 milioni di euro, a fronte di un incasso sotto 1,5 milioni derivante dalle CPU Intel.

La situazione non dovrebbe subire grandi scossoni in questo inizio dell’anno, ma verso la fine del primo trimestre vedremo se ci sarà qualche cambiamento in virtù dell’arrivo delle soluzioni Core di decima generazione di Intel, nome in codice Comet Lake.

Si prevede, in base a indiscrezioni ormai piuttosto dettagliate, l’attivazione dell’Hyper-Threading sulle diverse serie – Core i3, i5 e i7 -, con il passaggio a 10 core e 20 thread per la gamma Core i9. Basterà ad arginare la crescita di AMD? Ai posteri l’ardua sentenza.