CPU

Il team open-source di Intel conferma l’architettura Gen12 Xe sui processori Rocket Lake

Rocket Lake arriverà e potrà contare sulla nuova grafica integrata Gen12 caratterizzata dall’architettura Xe. Dopo la presentazione ufficiale nei giorni scorsi della gamma di processori Core di decima generazione Intel Comet Lake-S, il team open-source di Intel ha pubblicato diversi data-patch per Linux riguardanti la piattaforma Rocket Lake (RKL) con grafica, confermata, Gen12. Con data-patch intendiamo sostanzialmente una serie di patch descrittive, parti di codice, in cui riusciamo a prendere atto del lavoro svolto dal team.

Le prime 23 patch fanno ben capire come gli ingegneri del team Open-Source di Intel intendano affrontare la realizzazione del driver per la grafica integrata in Rocket Lake. Il lavoro iniziale si è concentrato sulla compatibilità con il modulo i915 del kernel. Per far ciò gli ingegneri si sono appoggiati sul codice pre-esistente dedicato ai driver di Tiger Lake, con una modesta aggiunta di 700 righe di codice.

In una parte di questo codice pubblicato si legge chiaramente che la grafica Gen12 di Rocket Lake sarà declinata in sei dispositivi diversi, quindi sei configurazioni possibili: 0x4C80, 0x4C8A, 0x4C8B, 0x4C8C, 0x4C90 e 0x4C9A.

Dalle patch si legge chiaramente che il firmware di Tiger Lake (35.2), compatibile con Gen12 e Gen11, sarà riutilizzato da Rocket Lake, anche se la programmazione mostra alcune varianti. La piattaforma Rocket Lake infatti avrà diversa banda di memoria, diversa gestione del piano-Y NV12 di visualizzazione (mentre gli altri 4 di 5 vengono gestiti come Tiger Lake), diversa organizzazione dei power well PG0, PG1, PG2 (eliminato), PG3 e PG5 (eliminato), una diversa tavola BW_BUDDY in cui la BW_BUDDY0 incorpora le BW_BUDDY1 e 2 usate da Tiger Lake e una terza DPLL (DPLL4) dedicata ad un eventuale terzo display. Inizialmente poi, non avendo il tracking PSR2 HW in hardware (ma solo via software), la funzione PSR2 sarà disabilitata fin tanto che il software non sarà pronto.

Come da tradizione Intel, si presume che il lavoro finale sarà pronto per il ciclo del kernel 5.8 di Linux, che incomincerà a giugno e terminerà in agosto. L’azienda si è infatti sempre prodigata nel completare e rilasciare driver stabili dei suoi prodotti, prima ancora dell’effettiva commercializzazione.

La piattaforma Rocket Lake, pur confidando ancora sul processo produttivo a 14nm, riserverà nuove potenzialità con la grafica Gen12 basata su architettura Xe. Un grande passo in avanti rispetto alla iGPU Gen9. Contando su PCI-Express 4.0 e, probabilmente, USB 4.0 e  Thunderbolt 4, i futuri Rocket Lake sapranno come farsi desiderare.

Ecco un SSD M.2 performante dall’ottimo rapporto qualità/prezzo: Sabrent Rocket da 512GB e 3000MB/s in lettura, in offertissima su Amazon.