CPU

Intel, le CPU Ice Lake migliori riservate per Apple?

I processori mobile Intel Ice Lake di decima generazione (da non confondere con i chip Comet Lake-S) sono le uniche soluzioni prodotte con il nodo a 10nm+ dell’azienda e sono destinate a portatili ultracompatti, ma dalle buone prestazioni. La CPU più potente della suddetta gamma era il Core i7-1068G7, l’unico prodotto con un TDP di 28W, ma Intel lo ha appena rimosso dal proprio portfolio.

Quest’ultimo è stato sostituito da due “nuove” unità: Intel Core i7-1068NG7 e i5-1038NG7. Secondo Notebookcheck, la nuova denominazione “N” identifica i chip come un’esclusiva per Apple, il che è apparentemente confermato dai benchmark dei nuovi MacBook Pro effettuati su Geekbench. Entrambe le soluzioni vantano un TDP di 28W, come l’i7-1068G7, mentre le restanti CPU Ice Lake-U hanno tutte TDP configurabili tra i 15 e i 25 W.

Il Core i7-1068NG7 è una CPU quadcore con HT, una frequenza base di 2,3GHz, una in Turbo Boost di 4,1GHz e una all-core di 3,6GHz. La cache L3 ammonta a 8MB, inoltre il chip supporta ufficialmente memorie DDR4 da 3200MHz e memorie LPDDR4 da 3733MHz in configurazione dual channel. L’elaborazione grafica è affidata all’iGPU Iris Plus Gen 11. Il Core i5-1038NG7 ha la stessa scheda tecnica del top di gamma, ma con frequenze inferiori: un clock base di 2GHz, uno in Turbo Boost di 3,8GHz e una all-core di 3,3GHz.

Non sappiamo per quale motivo Intel abbia riservare questi processori ad Apple, tuttavia alcune voci affermano che di recente Apple non sia particolarmente soddisfatta dalla qualità (o dall’ampiezza) dell’offerta del Team blue, motivo per cui starebbe sviluppando delle CPU proprietarie basate su ARM. È quindi possibile che il colosso di Santa Clara stia cercando di migliorare i rapporti con Apple riservandole i migliori chip Ice Lake, ossia quelli da 28W.

Cercate un convertibile 2 in 1 a un prezzo accessibile? Date un’occhiata a Microsoft Surface Pro 7.