Schede madre

Intel, una nuova soluzione consente di aggiornare il BIOS senza riavviare

Secondo un articolo pubblicato dai colleghi di Phoronix, Intel sta lavorando sulla funzionalità “Intel Seamless Update” e ha già inviato le patch per il kernel Linux allo scopo di consentire l’aggiornamento in tempo reale del firmware del sistema, il che significa che è possibile aggiornare il BIOS di una scheda madre senza avere la necessità di riavviare. Questa funzionalità sembra essere indirizzata prima di tutto agli utenti Linux, ma è logico aspettarsi di vederla anche su Windows. L’aggiornamento del firmware spesso richiede una procedura di riavvio per completare il processo di installazione. Tuttavia, ci si aspetta che i sistemi mission-critical abbiano un tempo di inattività quasi pari zero (non è possibile avere un tempo di attività del 100%) e Intel sta lavorando a una soluzione a questa esigenza da un po’ di tempo.

Intel Sapphire Rapids Ponte Vecchio

Chiamata Intel Seamless Update, questa funzione consente di aggiornare il BIOS/UEFI in runtime, ovvero all’interno del sistema operativo come un normale programma, invece di richiedere un riavvio. Questa caratteristica specifica si rivolge ai clienti Intel con accordi ad alto High Service Level (SLA), per cui gli utenti si aspettano che il proprio sistema sia sempre disponibile. Un tipico aggiornamento UEFI richiede diversi minuti e ha un impatto sull’infrastruttura del cliente, causando costosi tempi di inattività.

La funzione Intel Seamless Update per il kernel Linux avrà un driver ACPI (Advanced Configuration and Power Interface) per l’aggiornamento runtime del firmware della piattaforma che gestirà tutti gli eventi sul lato del sistema operativo. In tal modo, Intel desidera che la PFRU recuperi e memorizzi tutti i registri del firmware nel sistema operativo e che aggiorni il firmware in tempo reale mentre il sistema è in esecuzione.

Credit: Intel
Intel Alder Lake

Tutto questo lavoro viene svolto per uno scopo: consentire ai clienti di fare più cose con il minor numero di interruzioni possibile. Gli aggiornamenti del firmware sono spesso molto rischiosi in quanto interrompono l’intero sistema durante la procedura; quindi, eseguirli in fase di esecuzione è un approccio molto interessante. Ci aspettiamo di vedere questa funzionalità diventare la norma una volta che i processori Intel Sapphire Rapids Xeon arriveranno sul mercato.