CPU

Marvell Armada XP: quad-core ARM per il cloud

Marvell Armada XP è la prima soluzione basata su architettura ARM pensata per il settore dei server. Il system on chip (XP sta per eXtreme Performance) si candida esplicitamente ai server per applicazioni di cloud computing ed è ora in mano alle prime aziende in sample.

Armada XP è basato su quattro core ARM v7 con frequenza di 1,6 GHz. All’interno troviamo anche 2 MB di cache L2, un controller di memoria DDR3 a singolo canale per moduli a 800 MHz con supporto ECC. Marvell parla anche di coerenza della cache, il che significa come sottolinea Xbit-labs che “potrebbero essere disponibili capacità di calcolo simmetrico multi-processing”.

Il SoC integra anche quattro interfacce PCI Express 2.0 x4, alcune porte USB, Gigabit Ethernet, Serial ATA, altre periferiche di I/O e un “motore” che si occupa di controllare la sicurezza. Marvell ha anche curato la gestione energetica: Armada XP può raggiungere 16.600 DMIPS (Dhrystone Million Instructions Per Second, Milioni di istruzioni Dhrystone al secondo) richiedendo meno di 10 watt.

“L’introduzione da parte di Marvell di una soluzione potente per applicazioni di cloud computing di classe enterprise è un traguardo molto importante nella rivoluzione dell’Internet mobile – i server per il cloud computing mobile come quelli dotati di Armada XP sono il collegamento chiave in quello che vedo essere un ecosistema unificato di dispositivi mobile connessi”, ha dichiarato Weili Dai il cofondatore di Marvell.

Xbit-labs sottolinea la mancanza di supporto ai 64 bit e l’impossibilità di installare l’Armada XP in sistemi multi-socket. “Il problema principale è che non ci sono software per server compatibili con l’architettura ARM“.
Marvell offre piattaforme di sviluppo complete per consentire a chi adotta l’Armada XP per iniziare lo sviluppo dei sistemi senza aspettare l’hardware. Le piattaforme di sviluppo sono disponibili con driver e package di supporto.

Ricordiamo che recentemente ARM ha presentato A15 Eagle, l’architettura di prossima generazione che sarà indirizzata anche al settore server (ARM Cortex A15 Eagle, quad-core a 2,5 GHz).